Commenta

Acquanegra sul Chiese,
coppia indiana intossicata
dal monossido salvata in extremis

Dopo il sopralluogo effettuato nell’abitazione, dentro la quale persisteva una forte concentrazione di monossido, la causa è stata ricondotta al malfunzionamento di una delle due stufette a gas utilizzate per scaldarsi.

ACQUANEGRA SUL CHIESE – Lunedì i militari della Stazione Carabinieri di Canneto sull’Oglio sono intervenuti, unitamente a personale del 118 di Asola e dei Vigili del Fuoco di Castiglione delle Stiviere, ad Acquanegra sul Chiese, dove era stata segnalata una famiglia intossicata da esalazioni di monossido di carbonio.

I primi ad arrivare insieme ai Carabinieri sono stati due mezzi del soccorso, il primo di Padana Soccorso partito da San Giovanni in Croce, il secondo da Asola: erano partiti senza sapere a cosa si sarebbero trovati di fronte ma – vista anche la preparazione dei soccorritori – hanno intuito subito di cosa potesse trattarsi. Il dubbio è stato fugato quando è stato messo in funzione l’apparecchio che rileva la presenza di gas.

Gli uomini del soccorso hanno poi prestato le prime cure e trasportato le vittime presso l’ospedale di Asola. Dopo il sopralluogo effettuato nell’abitazione, dentro la quale persisteva una forte concentrazione di monossido, la causa è stata ricondotta al malfunzionamento di una delle due stufette a gas utilizzate per scaldarsi.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti