Commenta

Composad e il Made
in Italy protagonisti alla
Fiera di Colonia, in Germania

Un’occasione per Composad per confermare l’unione tra ecologia e nuovi prodotti di alta gamma, e per presentare al pubblico un nuovo concept “Yes. It’s all true” dedicato alla reale sostenibilità dei prodotti e dell’originale design 100% italiano.

COLONIA – Sostenibilità, design italiano e legame con i più giovani: sono queste le parole chiave del successo di Composad, l’azienda del Gruppo Saviola, che produce mobili in kit ecologici, realizzati interamente con legno post-consumo attraverso un processo produttivo fondato sull’economia circolare.

Composad, che quest’anno festeggia i suoi ventanni di attività, è presente dal 13 al 19 gennaio a IMM Cologne 2020, appuntamento di riferimento per i buyer di tutto il mondo e per gli operatori del settore dell’interior design. Un’occasione per Composad per confermare l’unione tra ecologia e nuovi prodotti di alta gamma, e per presentare al pubblico un nuovo concept “Yes. Its all true” dedicato alla reale sostenibilità dei prodotti e dell’originale design 100% italiano. Rilanciando con dati positivi sul fatturato (crescita del 15% rispetto al 2018) e sull’export (90% del fatturato totale in 70 Paesi). Presenti a Colonia il Presidente del Gruppo, Alessandro Saviola e il Direttore Generale di Saviola Holding e Composad, Nicola Negri. “Composad rappresenta il connubio perfetto tra green e bellezza. I dati sono lusinghieri, con prospettive di crescita sui mercati esteri che si rivelano particolarmente interessanti, anche perché i prodotti sono in grado di rispondere alla sfida attuale: il rispetto dell’ambiente” è il commento del Presidente Alessandro Saviola.

Dalle indagini condotte dagli studenti dell’Istituto Europeo di Design – IED – di Torino su un campione di Millennials di Germania, Francia, Polonia e USA – aggiunge il dg Nicola Negri – emerge che il 87% di loro è più propenso ad acquistare un mobile dal design italiano e realizzato salvaguardando lambiente, rispetto ad un prodotto non tracciabile, a patto che la componente “green” sia reale e dimostrabile nei fatti. In questo contesto Composad si rivela dunque una scelta coerente, in grado di soddisfare le esigenze di quello che sarà necessariamente il nostro target del prossimo futuro. Composad, come il Gruppo Saviola è, infatti, il primo esempio concreto di Economia Circolare e oggi vogliamo comunicarlo utilizzando un linguaggio più vicino al pubblico dei Millennials i quali connessi h24 ai canali social sono bombardati da milioni di messaggi sul Green Deal che spesso però si rivelano delle fake news, noi invece vogliamo comunicare con chiarezza e trasparenza i nostri valori, unici al mondo”.

Da rimarcare la presenza, all’ingresso dello stand, di un’installazione realizzata in esclusiva per il Gruppo Saviola dal Maestro Gaetano Pesce – creata interamente con legno post consumo, certificato FSC – che rappresenta un vero e unico omaggio al “Natural Love”. Inoltre, per l’occasione saranno ospitate in stand alcune eccellenze del Made in Italy nel settore dei complementi d’arredo, del food & beverage e del beauty: dal caffè Illy, ai cioccolatini di Domori; dai Vermuth Anselmo e Hempatico, alle fragranze avvolgenti di Acqua dellElba; dai tappeti artigianali di Mariantonia Urru ai corpi illuminanti di Slamp.

Composad: è la divisione aziendale di riferimento nel settore del mobile del Gruppo Saviola. Nata nel 2000 Composad chiude il ciclo dell’attività dell’intero Gruppo ed è la sintesi perfetta della sua integrazione verticale. Ogni passaggio avviene con un controllo totale della filiera e dei processi, coniugando efficienza ed ecologia. Composad è una delle realtà più consolidate nel panorama internazionale della produzione di mobili in kit e arredamento fai da te. La Business Unit è un laboratorio di creatività focalizzato sul design Made in Italy applicato al mobile in kit destinato al mercato internazionale per progettare linee di prodotto in grado di arredare ogni ambiente domestico e non (camera da letto, arredobagno, cucina, soggiorno, uffici).

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti