Commenta

Patentino per possessori
di cani: parte il corso
gratuito a Casalmaggiore

Per frequentare il corso è necessario preiscriversi (Sportello UDA, 0375284496) e lo si può fare anche nell'ufficio preposto, al piano terreno dello stabile comunale.

CASALMAGGIORE – Si è commosso ricordando chi non c’è più, nonostante il momento formale, quello della conferenza stampa, richiedesse una freddezza più composta. Ma lo abbiamo capito perchè la sua emozione, ricordando i compagni a quattro zampe partiti per sempre, è pure la nostra e di tanti che amano i cani e con loro vivono un rapporto quasi simbiotico. Ci emozioniamo anche noi e Francesco Ruberti non è diverso dagli altri. Al di là delle diatribe è ragazzo di grande umanità. E un vero amante degli animali.

E’ stato presentato questa mattina, alla presenza del consigliere delegato Francesco Ruberti, della referente dell’UDA (Ufficio Diritti Animali) del comune di Casalmaggiore Franca Filippazzi e della responsabile del corso dottoressa Laura Mori, il corso ‘Patentino per proprietari di cani’, edizione 2020 che si terrà il 5, 12 e 19 marzo in auditorium Santa Croce a partire dalle ore 20. Docenti del corso saranno la dottoressa Laura Mori, la dottoressa Giuliana Caronna e il dottor Spotti Massimiliano.

4 lezioni, di due ore e mezza e una prova pratica col cane (facoltativa) con esame finale ed obbligo di frequenza ed il rilascio, alla fine, del patentino. 100 + 20 i posti disponibili. 100 per i proprietari di cani “Ma più ancora – coem ha spiegato Francesco Ruberti – per chi un cane ha deciso di adottarlo” che potranno usufruire del corso in maniera gratuita. Gli altri 20 posti sono riservati ai soggetti obbligati con notifica di ordinanza per aggressione da ATS (per loro il costo è di 70 euro). Il corso è aperto a tutti, non serve essere residenti a Casalmaggiore. Serve solo un poco di buona volontà.

“Questa è un’iniziativa che portiamo avanti da qualche anno – ha spiegato Ruberti – e non è un patentino per portare in giro il cane. E’ un insieme di imput per avere un modus operandi col cane. E’ un corso gratuito. Viviamo in una società in cui ormai serve il patentino per ogni cosa e non è da escludere che nei prossimi anni anche quello per avere un cane diventi obbligatorio. Quando lo diverrà i corsi poi saranno a pagamento, anche per questo è importante farlo adesso che ancora non lo è. Invito tutti i possessori di cane a venire”.

Il consigliere è poi sceso sul piano più personale, ricordando il particolare rapporto che ha avuto ed ha con i suoi, anche con quelli che non ci sono più e ricordando il suo cane, che affettuosamente ha chiamato ‘la mia morosa’. “E’ importante – ha chiosato il presidente del Consiglio Comunale – saper interagire con i cani e leggerne i segnali per evitare problemi. Chiunque voglia avere un cane deve saperne leggere i comportamenti. Molto spesso la gente non è consapevole. La convivenza col cane non può esimersi dalla competenza. Questo corso serve anche e soprattutto per chi decide di adottare un cane. Non sarò certo io ad andar contro a chi desidera il cucciolo, o il cane di razza. Va bene anche quello. Ma se uno si facesse un giro in un canile, troverebbe sicuramente degli animali fantastici e si accorgerebbe soprattutto che non è la persona che adotta il cane, piuttosto il contrario. E ve lo dice uno che ogni volta che ci va ne porterebba a casa qualcuno. Ogni cane ha una sua personalità, l’ho visto con i miei che ho curato io ed ognuno aveva un caratere diverso dall’altro. Quando poi un cane muore, l’ho provato sulla mia pelle, è un lutto…”

Preso dall’emozione Ruberti ha poi passato la parola alla dottoressa Mori che ha spiegato in sintesi in cosa consiste il corso. Un corso di formazione con approccio cognitivo zooantropologico. Comportamenti, normativa, comunicazione, modus operandi, lo sviluppo comportamentale del cane. Franca Filippazzi ha poi spiegato tutto il lavoro improntato dall’UDA, ufficio nato nel 2012 grazie ad un bando regionale ed ora pienamente operativo. Oltre al patentino intenso è il lavoro nelle scuole. “Il cane è un essere vvente con le proprie esigenze”.

Per frequentare il corso è necessario preiscriversi (Sportello UDA, 0375284496) e lo si può fare anche nell’ufficio preposto, al piano terreno dello stabile comunale.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti