Commenta

Aragona controcorrente:
"Accessi consentiti, ma
un solo parente per volta"

Il centro dunque non sarà chiuso alle visite dei parenti degli ospiti, ma queste saranno limitate e consentire solo nell’ora dei pasti, ad un solo famigliare per ricoverato, tenendo conto che le Case di Riposo della provincia sono molto diverse tra loro sia per location, sia per numero di ospiti che per persone addette.

SAN GIOVANNI IN CROCE – I dirigenti dell’ospedale Aragona di San Giovanni in Croce vanno controcorrente e hanno deciso, unici nel contesto, di volersi attendere alle direttive impartite da Regione Lombardia per mezzo dell’ATS e non dunque della Associazione delle Residenze Socio Sanitario della Provincia di Cremona: il centro dunque non sarà chiuso alle visite dei parenti degli ospiti, ma queste saranno limitate e consentire solo nell’ora dei pasti, ad un solo famigliare per ricoverato, tenendo conto che le Case di Riposo della provincia sono molto diverse tra loro sia per location, sia per numero di ospiti che per persone addette che, nel caso di Aragona, è dedicato unicamente alla struttura.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti