Commenta

Coronavirus, venditori
abusivi di mascherine
sui treni della Mi-Cr-Mn

A segnalarlo sono gli stessi pendolari, che hanno notato un uomo sulla sessantina aggirarsi sul treno vendendo 10 mascherine per 10 euro. Un prodotto, dunque, di qualità scadente, che comunque non avrebbe alcuna funzione effettiva.

Venditori di mascherine sui treni della Milano-Cremona-Mantova. E’ il nuovo trend dell’abusivismo commerciale in chiave coronavirus. A segnalarlo sono gli stessi pendolari, che hanno notato un uomo sulla sessantina aggirarsi sul treno vendendo 10 mascherine per 10 euro. Un prodotto, dunque, di qualità scadente, che comunque non avrebbe alcuna funzione effettiva. Come ha infatti più volte sottolineato il professore Walter Ricciardi, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), le semplici mascherine di garza che in questi giorni sono andate a ruba, servono solo agli infetti per evitare di diffondere il virus, mentre non hanno alcuna utilità per le persone sane. Per prevenire il contagio sono sufficienti le misure di igiene già più volte ricordate, come un lavaggio frequente delle mani ed evitare i contatti ravvicinati.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti