Ultim'ora
Commenta

Bozzolo, accordo da 500mila euro
comune-sindacati per anziani e classi
deboli: "E' uno dei più importanti nel territorio"

"Inoltre abbiamo definito la moderazione di Imu e Tasi, e confermato l’impegno per i servizi domiciliari, inserimento e centro diurno per gli anziani, oltre a trasporto protetto, Crest, Cred, diritto allo studio, asili nido, politiche abitative, sicurezza e welfare di comunità" spiega Torchio.

BOZZOLO – Le parti in gioco lo hanno definito come il più importante accordo per la tutela delle classi deboli e degli anziani. E’ stato siglato nelle scorse ore l’accordo per il sociale tra il comune di Bozzolo, col sindaco Giuseppe Torchio, e le organizzazioni sindacali, con Donata Negrini, Dino Perboni e Paolo Soncini, e ancora per la Federazione Pensionati Enrica Chechelani, Giusi Amadasi, Giovanni Azzali. Erano presenti anche i pensionati locali e Luciano Bignami. L’intesa per il 2020 sfiora i 500.000 euro, con un’incidenza di 115 euro per ognuno dei 4.200 abitanti, con un incremento di 25 euro rispetto al 2019. In primis l’accordo prevede la tutela degli anziani e delle cosiddette classi deboli.

“Tra i punti dell’accordo – spiega Torchio – prevista particolare attenzione per quanto riguarda la trasparenza negli appalti, integrazione e sviluppo del volontariato, inserimento disabili nel lavoro, sviluppo occupazionale con nuove attività (Migross, Fioccarni sono solo alcuni esempi) aiuti col fondo sociale S.Vincenzo (Comune, Parrocchia associazione), convenzione con tribunale per lavori di pubblica utilità, patto con Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza per recupero morosità. Inoltre abbiamo definito la moderazione di Imu e Tasi, e confermato l’impegno per i servizi domiciliari, inserimento e centro diurno per gli anziani, oltre a trasporto protetto, Crest, Cred, diritto allo studio, asili nido, politiche abitative, sicurezza e welfare di comunità”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti