Ultim'ora
Commenta

Viadana, prime due denunce
per inosservanza alle norme
sul contenimento del Covid19

Cosi, al termine degli accertamenti esperiti nel Comando Compagnia di Viadana, i due sono stati deferito all’Autorità Giudiziaria di Mantova per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità (art.650 del codice penale)

VIADANA – Nella giornata di oggi i Carabinieri della Stazione di Viadana hanno denunciato due ragazzi di origine indiana per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, emanati negli ultimi giorni per l’emergenza coronavirus.

Infatti, nonostante il divieto imposto dalla legge, al fine di contenere il contagio dal virus, i due si trovavano nei pressi di Dosolo (nonostante siano residenti a Viadana uno, e in provincia di Reggio Emilia l’altro) a fumare stupefacente, noncuranti della grave situazione in cui sta versando il Paese.

La campagna di sensibilizzazione che lo Stato sta portando avanti, relativa anche al divieto di movimento se non per motivi di lavoro/salute/necessità, non sembra aver fatto leva sui due giovani, classe 1994 e classe 1995, che alla vista dei militari hanno cercato, come prima cosa, di disfarsi di una pellicola trasparente contente quasi 2 grammi di hashish, prontamente recuperata dai Carabinieri.

Cosi, al termine degli accertamenti esperiti nel Comando Compagnia di Viadana, i due sono stati deferito all’Autorità Giudiziaria di Mantova per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità (art.650 del codice penale), oltre ad essere segnalati alla Prefettura di Mantova per detenzione di sostanza stupefacente ad uso personale.

La droga è stata invece sottoposta a sequestro amministrativo, ravvisandosi appunto la violazione dell’art.75 D.P.R. 309/1990.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti