Ultim'ora
Commenta

Dalla Cina 300 sanitari
di cui 74 arriveranno
a Cremona e Crema

Un aiuto imponente. D’altra parte l’attenzione della Cina alla Lombardia era stata già testimoniata dalla visita a Milano, lo scorso 19 marzo, del vicepresidente della Croce rossa cinese, Sun Shuopeng, che in quell’occasione aveva ammonito: “Qui non avete misure abbastanza severe".

Dalla Cina arriveranno circa 300 operatori sanitari, tra medici ed infermieri, per aiutare la Lombardia nella lotta contro il coronavirus. Secondo la prima previsione, passibile comunque di modifica in base a nuove esigenze, si saranno gli 25 infermieri e 12 i medici che saranno stanziati a Cremona ed altrettanti a Crema. Questi nuovi arrivi vanno dunque a sommarsi a quelli già presenti sul nostro territorio, impegnati negli ospedali da campo di Cremona (con la Ong americana Samaritan’s Purse) e Crema (dove opera una delegazione cubana). In totale dunque, saranno circa 500 i sanitari stranieri, provenienti da Cina, Cuba, Stati Uniti e Russia, che opereranno in Regione.

La distribuzione di questi nuovi arrivi, oltre agli stanziamenti tra Cremona e Crema, prevederà il dislocamento presso i seguenti ospedali: Seriate (25 infermieri e 17 medici), Bergamo Papa Giovanni XIII (25 infermieri e 12 medici), Brescia Spedali Civili (25 infermieri e 15 medici), San Matteo Pavia (25 infermieri e 12 medici), Lecco (25 infermieri e 12 medici) Asst 7 Laghi di Varese (25 infermieri e 12 medici) Treviglio (25 infermieri e 12 medici).

Un aiuto imponente. D’altra parte l’attenzione della Cina alla Lombardia era stata già testimoniata dalla visita a Milano, lo scorso 19 marzo, del vicepresidente della Croce rossa cinese, Sun Shuopeng, che in quell’occasione aveva ammonito: “Qui non avete misure abbastanza severe. C’è gente in strada, i trasporti pubblici funzionano, avete persone negli hotel, non mettete le maschere”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti