Commenta

Inno d'Italia, striscioni e
Modugno: da via Beduschi
doc Maroli suona la carica

A chiudere il cerchio è il messaggio “Insieme ce la faremo”, lo stesso che, tinto di tricolore, arriva anche dalla vicina Colorno, dove venerdì sera la Reggia, simbolo della cittadina parmense, è stata illuminata con fari tricolori a riprodurre la bandiera italiana. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

CASALMAGGIORE – Un messaggio di speranza in musica e striscioni. L’idea è venuta ad Alessandro Maroli di Casalmaggiore, non nuovo a queste trovate. Otorino stimato, lo avevamo soprannominato il dottor Allegria, quando inventò un concorso a premi, legato a Terma Maggiore, struttura inaugurata dallo stesso professionista la scorsa estate, che sotto Natale aveva portato in dote ai vincitori un viaggio: il concorso chiedeva a bambini e adulti di scatenare la propria fantasia, inventando favole con animali protagonisti. Fu un successo, di partecipazione e pure di inventiva.

Stavolta, in tempi decisamente più difficili e magari ripensando con nostalgia a quei giorni, il dottor Maroli ha installato in via Beduschi, appena dopo la concessionaria Capelli Automobili, dunque lungo la strada Asolana, un sistema di casse audio che ogni sera, alle ore 18, fa partire l’inno d’Italia e, subito dopo, in automatico, “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno, senza dubbio una delle canzoni che meglio rappresenta l’Italia nel mondo.

Non solo: l’idea è stata quella di ornare un cantiere edile – all’interno del quale si trovano, ben nascoste, cassa audio e computer che fa partire le due canzoni – con striscioni realizzati per l’occasione in Pvc: il primo recita una frase di Seneca e dice “Anche se il timore avrà sempre già argomenti, tu scegli la speranza”; il secondo invece riprende il motto di Patch Adams, il noto medico statunitense al quale è stato dedicato anche un film, “Quando curi una malattia puoi vincere o perdere, quando ti prendi cura di una persona, vinci sempre”.

A chiudere il cerchio è il messaggio “Insieme ce la faremo”, lo stesso che, tinto di tricolore, arriva anche dalla vicina Colorno, dove venerdì sera la Reggia, simbolo della cittadina parmense, è stata illuminata con fari tricolori a riprodurre la bandiera italiana. Qualcosa di simile a quanto visto a Cremona col Torrazzo sempre venerdì e, una settimana fa, a Casalmaggiore, San Giovanni in Croce, Gussola e Sabbioneta. Un tricolore di speranza, che ammanta tutti.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti