Un commento

San Martino dall'Argine,
troppa gente in giro. Renoldi:
"Chi sgarra verrà sanzionato"

Sulla pagina Facebook del comune di San Martino dall’Argine, il sindaco Alessio Renoldi, ha pubblicato un messaggio rivolto ai cittadini in cui richiama al rispetto delle regole per contenere il contagio del virus…

SAN MARTINO DALL’ARGINE – Sulla pagina Facebook del comune di San Martino dall’Argine, il sindaco Alessio Renoldi, ha pubblicato un messaggio rivolto ai cittadini in cui richiama al rispetto delle regole per contenere il contagio del virus. I punti posti in evidenza dal primo cittadino sono molti e scritti chiaramente…

“Cittadini di San Martino, così non va bene. Ci sono ancora troppe persone in giro.

  • Troppa gente che con la scusa della spesa vanno 3 volte al giorno al negozio. Una o due volte alla settimana è più che sufficiente.
  • Troppa gente che con sintomi anche lievi (tosse o raffreddore) gira liberamente invece di praticare l’AUTOISOLAMENTO.
  • Troppa gente che con la scusa della passeggiata col cane va ben oltre i 200 metri consentiti.
  • Troppa gente che non usa per niente o non usa bene la mascherina, o che non usa i guanti di lattice nei negozi.
  • Troppa gente che gira senza un vero motivo, tanto chi ne paga le conseguenze sono “gli altri”, quelli che si sentono in TV. Ma se andiamo avanti così prima o poi la situazione potrebbe precipitare anche a San Martino e toccare da vicino i nostri cari.

Gli avvisi sin qui dati ai “trasgressori” sono molti e dunque i toni del messaggio diventano più duri …

“…Da oggi passeremo alle maniere più forti:

  • CHIUSO IL CIMITERO
  • CHIUNQUE SGARRA SARÀ SANZIONATO

È un mese che ripetiamo le stesse cose.

Capiamo la frustrazione dello stare in casa, ma anche se non sembra è utile a tutti. STATE IN CASA, non chiamateci per cercare scorciatoie, per andare lo stesso di qua o di là. Tutto ciò che dovete fare, lo farete dopo l’emergenza”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • crisformetal

    Renoldo era forzuto ma è moruto… La freccia l’ha infilzato e odino se le chiappato… (Attila flagello di dio)