Commenta

Scuola a distanza, Sandra
Guidelli ringrazia La Rondine
e Protezione Civile

Il nostro Istituto, attraverso un monitoraggio capillare delle esigenze di ogni studente, a partire da quei bambini e ragazzi che presentano bisogni più speciali degli altri, sta affidando in comodato d’uso i tablet presenti a scuola

CASALMAGGIORE – Essere vicini nella distanza? Si può! I Volontari della Protezione Civile di Casalmaggiore e l’Associazione La Rondine di Rivarolo lo hanno dimostrato, consentendo all’I.C. Marconi di consegnare a domicilio, ai propri giovani studenti, i dispositivi informatici della scuola.

“In un periodo di sospensione dell’attività didattica – ci racconta la dirigente scolastica Sandra Guidelli – le strumentazioni tecnologiche sono l’unico mezzo per poter rimanere connessi e per continuare quell’interazione educativa, che caratterizza l’apprendimento significativo per le nuove generazioni.

Non interrompere il percorso formativo dei nostri studenti, ma anche superare l’isolamento fisico e incrementare il senso di appartenenza e partecipazione sono gli obiettivi fondamentali che guidano la didattica a distanza attuata dal nostro istituto.

Purtroppo non tutte le famiglie sono dotate di dispositivi tecnologici per far fronte alle nuove esigenze connesse alla didattica. Smart working dei genitori e formazione a distanza di più di un figlio, spesso rendono insufficienti le strumentazioni informatiche presenti a casa.

Il nostro Istituto, attraverso un monitoraggio capillare delle esigenze di ogni studente, a partire da quei bambini e ragazzi che presentano bisogni più speciali degli altri, sta affidando in comodato d’uso i tablet presenti a scuola.

Ma questa operazione non si sarebbe potuta realizzare senza la generosa collaborazione dell’Associazione La Rondine Di Rivarolo, che ha messo a disposizione sei pc e dei Volontari della Protezione Civile, con a capo il Sindaco di Casalmaggiore, Filippo Bongiovanni.

Queste persone speciali hanno permesso alla nostra scuola di aprire le porte virtuali delle nostre classi, consentendo di interconnetterci di nuovo gli uni agli altri. Nessuno escluso”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti