Commenta

Coronavirus, calano i nuovi
decessi nel cremonese e nel
mantovano: minori anche i contagi

Complessivamente è salito di 27 unità, raggiungendo quota 4.260, il totale dei contagiati da Coronavirus in provincia di Cremona, mentre in Regione i casi sono 51.534, +1079 rispetto a ieri. Nel mantovano, invece, i casi di contagi sono 2.084 (+40 rispetto a ieri).

Sono stati “solo” sette i decessi in provincia di Cremona nelle ultime 24 ore. Un dato in notevole calo rispetto a quelli dei giorni scorsi. Ma i numeri avevano iniziato già ieri a calare: si erano registrati infatti 13 vittime da Coronavirus. In tutto il numero totale dei morti “certificati covid” sale a 710. Ma tanti sono anche i decessi sospetti, per i quali non è stato fatto il tampone ma i cui sintomi facevano pensare a un contagio da covid. E del resto, tra i morti non covid si contano 534 casi in più dello scorso anno. Anche in provincia di Mantova i casi sono stati meno rispetto a ieri, pur trattandosi sempre di lutti e dunque di notizie pesanti da digerire: 11 decessi, che portano il totale a 317.

Chi è messo peggio, in Lombardia, è Bergamo, dove i morti sono stati 2.480, mentre a Brescia finora le vittime sono 1.753. Numeri importanti anche a Milano, con 1.612 vittime, e a Pavia 599. Complessivamente è salito di 27 unità, raggiungendo quota 4.260, il totale dei contagiati da Coronavirus in provincia di Cremona, mentre in Regione i casi sono 51.534, +1079 rispetto a ieri. Nel mantovano, invece, i casi di contagi sono 2.084 (+40 rispetto a ieri). Oggi i tamponi processati sono stati meno di quelli di domenica: 5.500.  Calano anche i ricoverati: 11.914, meno 95 da ieri. “Nelle terapie intensive – ha spiegato oggi l’assessore al Welfare Gallera – c’è una pressione leggermente inferiore e questo ci rincuora; mentre ancora molto alto è il numero dei decessi, +297 persone, ma confidiamo che nei prossimi giorni possa ridursi un po’”.

LA TABELLA DEI CONTAGI NELLE PROVINCE LOMBARDE

LA TABELLA DEI DECESSI NELLE PROVINCE LOMBARDE

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti