Commenta

Giovanni, infermiere guarito
dal Covid, pronto a rientrare
'Torno a fare quello che amo'

“Oggi è una giornata bellissima per me – dice con gli occhi lucidi e la voce rotta dall’emozione – perché ho ricevuto il referto negativo del mio secondo tampone, quindi sono clinicamente guarito. Sto vedendo la luce in fondo al tunnel e sono felicissimo per la mia guarigione, anche perché posso tornare a fare quello che amo".

Giovanni ha 33 anni, è di Rosolini, in provincia di Siracusa, ed è un infermiere del pronto soccorso di Cremona. Come tanti suoi colleghi si è ammalato, ma oggi è guarito ed ora non vede l’ora di tornare al lavoro. Ha lasciato la sua testimonianza al ‘Corriere Elorino’. Giovanni, dal primo momento in trincea, qualche settimana fa aveva contratto il Coronavirus dopo che, con spirito di dovere, non ha mai fatto mancare il proprio apporto al pronto soccorso di Cremona, uno degli ospedali d’Italia nell’occhio del ciclone della pandemia sanitaria. E lo fa anche oggi, dopo la conferma della sua guarigione, ringraziando quanti gli sono stati e gli sono vicini in questa battaglia al nemico invisibile che lui, da vero guerriero, la sta combattendo in prima linea con tutta la passione e la vocazione possibile per il suo lavoro. “Oggi è una giornata bellissima per me – dice con gli occhi lucidi e la voce rotta dall’emozione – perché ho ricevuto il referto negativo del mio secondo tampone, quindi sono clinicamente guarito. Sto vedendo la luce in fondo al tunnel e sono felicissimo per la mia guarigione, anche perché posso tornare a fare quello che amo, cioè il mio lavoro di infermiere. Grazie per la stima, ma gli infermieri non siamo degli eroi, semplicemente delle persone che fanno il proprio lavoro”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti