Ultim'ora
Commenta

Commessaggio, colloquio
tra le parti per affrontare
l'emergenza Covid-19

Nel piccolo comune di Commessaggio le attività per contrastare l’emergenza COVID-19 hanno interessato l’intera comunità.
COMMESSAGGIO – Ogni realtà territoriale è stata colpita, chi più chi meno, dall’emergenza in atto. Ogni realtà ha dovuto, di conseguenza prendere decisioni ed adottare misure in linea con le direttive per affrontare quello che ormai è conosciuto come il nemico invisibile…
Nel piccolo comune di Commessaggio le attività per contrastare l’emergenza COVID-19 hanno interessato l’intera comunità.
Prima del primo DPCM che imponeva la chiusura delle attività commerciali, l’Amministrazione rappresentata dal Sindaco, Alessandro Sarasini e dal capogruppo di minoranza Arcadio Salvaterra, hanno incontrato i commercianti del paese spiegando loro il perché di alcune restrizioni. E’ stato condiviso in modo univoco la chiusura delle attività “non indispensabili” anticipando, di fatto, il DPCM poi uscito. Sicuramente avere avuto per primi alcuni contagi ha messo in allerta la popolazione del paese al punto di non sottovalutare gli obblighi normativi e le ordinanze che ancora oggi, correttamente, persistono.
L’azione coordinata dei consiglieri e delle associazioni oltre che alle persone del paese hanno permesso la distribuzione dei generi alimentari e dei farmaci. Le attività commerciali hanno aderito al credito al consumatore evitando che i volontari dovessero manipolare denaro oltre che avere contatti ravvicinati con le persone.
 Per contro i medici di medicina generale, dott. Zanazzi e dott.ssa Dondi si sono resi disponibili per compilare le ricette in modo telefonico provvedendo poi alla consegna alla Farmacia del paese che a sua volta, preparato il necessario, attraverso i volontari recapita a casa i medicinali.
Il comune ha poi provveduto alla fornitura delle attività commerciali del paese di dispositivi di protezione in quanto necessitanti ed obbligati a tenere aperto per il sostentamento dei cittadini.
Il comune ha fatto un appello alle associazione del paese e tutte hanno risposto positivamente, con contributi economici da parte di AVIS, gruppo Il Quadrifoglio, associazione Il Torrazzo, chiesa sant’Albino Vescovo e Proloco Commessaggio. Grazie al cuore dei Commessaggesi è stato possibile acquistare una buona dotazione di mascherine da distribuire a tutti i cittadini commessaggesi, probabilmente già da giovedi p.v.
Inoltre il comune ha attivato il bando per la messa a disposizione dei finanziamenti ministeriali attraverso la stesura di un bando nato dall’Azienda dei servizi sociali Ogliopo di matrice uguale a tutti i comuni facendo aderire tutte le realtà commerciali che vendono generi di prima necessità in paese con una duplice finalità, aiutare chi ha bisogno e sostenere il più possibile l’economia locale.
 Le domande dovranno essere inoltrate entro mercoledi per due settimane ed entro venerdi saranno consegnati i buoni spesa spendibili nelle attività convenzionate.
Il Comune inoltre si è dotato di dispositivi di videoconferenze a tutti i consiglieri comunali permettendo di svolgere le attività ordinarie anche in forma telematica, il consiglio di martedi 7/4/2020 per l’approvazione del bilancio sarà fatto in quel modo.
Sicuramente la grave situazione di emergenza ha imposto misure e modalità innovative che stanno dando ottimi risultati, afferma il Sindaco Sarasini “queste nuove modalità potranno essere, una volta regolamentate, strumenti di lavoro ordinario, per consigli, giunte ed associazioni, al punto tale da diminuire le distanze, risparmiare tempo e perché no, evitare spostamenti con mezzi inquinati; dalle difficoltà a volte nascono opportunità da perseguire per un prossimo imminente futuro”.
redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti