Cronaca
Commenta

Gussola, si è spento Carlo Pietralunga (Ciopa), fu vicesindaco del comune per due mandati

A ricordarlo anche l'associazione 'A sinistra' di Gussola: "Quando ci lasciano persone che hanno donato tanto tempo alla loro comunità, ricordarle è il minimo"

GUSSOLA – Si è spento al Vho di Piadena, dove era ricoverato dal novembre scorso Carlo Pietralunga. Aveva 86 anni. Carlo Pietralunga (detto Ciopa) era originario di Castelponzone. Aveva perso il padre quando aveva 10 anni ed era stato tirato su dalla mamma insieme ad un fratello e a 4 sorelle. Dopo il matrimonio si era trasferito a Gussola, dove aveva cominciato a lavorare come muratore e manovale, prima per Roncai di Casalmaggiore e poi con un’impresa sua sino alla pensione. Persona cordiale e disponibile, non si era mai tirato indietro dal lavoro. “Non era mai stanco e non l’ho mai sentito lamentarsi – ci ha raccontato il figlio Giuseppe – era una persona disponibile”. Partecipava attivamente alla vita sociale e politica del paese. Sostenitore del PSI, era stato negli anni 80 vicesindaco e assessore ai lavori pubblici sia sotto la giunta capitanata da Giuseppe Gerelli che con l’amministrazione guidata da Dossena. Nelle stesse amministrazioni era stato membro della commissione edilizia. Organizzava ogni anno, nei tempi in cui le feste di partito erano al centro delle stagioni estive dei piccoli comuni, la Festa dell’Avanti, ma partecipava comunque per dare una mano a quella dell’Unità. Anche al motoclub dava sempre il suo contributo nel gruppo ddella cucina. Erano gli anni ‘ruggenti’ del motoraduno dedicato ad Angelo Bergamonti, quelli in cui – come ci raccontano – il raduno di Gussola era rinomato anche per le colazioni che il gruppo cucine forniva agli iscritti: rigorosamente una fetta di polenta e una salamella. Ha fatto tanto per gli altri sino a che le condizioni glielo hanno consentito. Nel novembre scorso era stato ricoverato presso il Vho per problemi di Alzheimer non più seguibili da casa. A casa a Gussola era rimasta la moglie che poi, a seguito di una malattia, si era spenta da lì a poco. Carlo l’ha seguita a qualche mese di distanza. L’ex vicesindaco di Gussola lascia a piangerlo, oltre al figlio Giuseppe, la figlia Cosetta, la nuora Maria Teresa, il genero Ermanno, gli affezionati nipoti Alessio e Matteo.

A ricordarlo anche l’associazione ‘A sinistra’ di Gussola: “Quando ci lasciano persone che hanno donato tanto tempo alla loro comunità, ricordarle è il minimo. Pietralunga Carlo è stato per lungo tempo vicesindaco del Comune di Gussola, ha ricoperto anche la carica istituzionale di Assessore ai lavori pubblici. Il ruolo da vicesindaco lo ha ricoperto in un periodo in cui Gussola ha conosciuto un radicale mutamento, dove sono stati costruiti servizi importanti per i cittadini. Sempre presente e attivo, mantenendo rapporti con i cittadini corretti e costruttivi. In consiglio comunale rappresentava il PSI, erano gli anni in cui questo partito amministrava con il PCI locale e con un nutrito gruppo di cittadini indipendenti. Un periodo in cui i partiti erano il collegamento naturale tra cittadini ed amministratori. Lo vogliamo ricordare perché anche dopo il compimento del suo ruolo istituzionale, ha sempre mantenuta viva la curiosità e la voglia di conoscere l’attività amministrativa. Non si è mai tirato da parte. Ai famigliari porgiamo le più sentite condoglianze”.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti