Eventi
Commenta

Casalmaggiore, il Jazz Day non si ferma e va oltre il virus: giovedì diretta su Youtube dell'evento musicale

In totale saranno 40 i musicisti che parteciperanno, per un’edizione speciale che guarderà anche oltre il jazz. “Con orgoglio - ha chiosato Visioli, presidente Estudiantina - posso dire che come sempre porteremo il linguaggio universale della musica nel territorio. Anzi quest’anno andremo oltre perché grazie a computer e smartphone entreremo direttamente in tutte le case".

Nella foto il Jazz Day 2019

CASALMAGGIORE – Il Jazz Day non si ferma, nemmeno dinnanzi al Coronavirus. Potremmo anzi dire che prepararlo in questa edizione speciale 2020 è stato ancora più complicato. Perché come ha spiegato Andrea Acquaroni, uno degli organizzatori, in conferenza stampa on line, “l’errore dal vivo fa parte del gioco ma qui, avendo registrato ogni composizione, sono in tanti ad essere diventati pignoli”.

La battuta ha strappato un sorriso, alla presenza anche di Cesare Visioli e Claudio Acquaroni della Società Musicale Estudiantina, di Luca Bernardi che segue l’attività nelle scuole, di Marco Goi, che ha disegnano il logo e cura la parte tecnica assieme a Emanuele Piseri, e di Gianpietro Lazzari, che ha ricordato come il Jazz Day sia arrivato ormai a Casalmaggiore alla nona edizione, avvicinando tanta gente al teatro, sempre tutto esaurito negli ultimi anni, e alla musica. Stavolta il palcoscenico sarà quello virtuale di YouTube: alle 21 di giovedì 30 aprile, giornata internazionale del Jazz, ci si potrà collegare dal link che sarà attivato sul sito jazzday.it e a quel punto seguirà una scaletta puntuale e completa: Acquaroni presenterà le varie composizioni, una playlist che racchiude diverse band, composte da 2 a 6 persone, ciascuna delle quali ha eseguito il proprio spartito da casa, unendo le forze, le note e gli strumenti su un’unica schermata divisa in vari riquadri (come va di moda in questo periodo).

Sopra il manifesto del Jazz Day

Non mancano gli sponsor, perché è vero che i costi di produzione dello spettacolo stavolta sono ridotti rispetto al passato, ma la voglia di portare avanti l’insegnamento della musica nelle scuole di Casalmaggiore (di ogni ordine e grado) non è venuta meno. A questo scopo serviranno i fondi raccolti. “Per questo – ha spiegato Bernardi – ai ragazzi delle scuole offriamo on line un momento di spensieratezza e insieme di cultura musicale, insegnando loro le caratteristiche e il suono di ciascuno strumento, anche a distanza, come avviene per la videodidattica”. In totale saranno 40 i musicisti che parteciperanno, per un’edizione speciale che guarderà oltre il jazz. “Con orgoglio – ha chiosato Visioli, presidente Estudiantina – posso dire che come sempre porteremo il linguaggio universale della musica nel territorio. Anzi, volendo vedere il bicchiere mezzo pieno, quest’anno nonostante l’emergenza andremo oltre, perché grazie a computer e smartphone entreremo direttamente in tutte le case, per due ore di allegria e buona musica in un momento tanto difficile”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti