Solidarietà
Commenta

Casalmaggiore, coi buoni spesa aiutato il 6% della popolazione Bongiovanni: "Raccolta fondi prosegue"

“A oggi – prosegue il sindaco - abbiamo già raccolto 4500 euro circa, da 20 donatori (tra singoli e associazioni) che ringrazio di cuore. Queste risorse saranno impiegate per le famiglie in difficoltà, non solo su alimenti, ma anche su spese mediche/farmaci o bollette scadute".

CASALMAGGIORE – Fa il punto della situazione sui buoni spesa ottenuti dal Governo e subito distribuiti il comune di Casalmaggiore. In totale 82.257 euro esauriti in quindici giorni appena, costringendo il Comune in data 18 aprile a chiudere la possibilità di presentare istanza. Le domande pervenute sono state 359, quelle accolte 301, quindi le domande non accettate sono state 58 a causa di domanda non compilata o compilata in modo insufficiente o della situazione reddituale sostenibile o invariata rispetto al pre-Covid19.

Sono stati erogati buoni a:
– 203 nuclei familiari con minori, per un totale di 841 persone.
– 98 nuclei di soli adulti, per un totale di 180 persone.
Di questi 147 sono nuclei familiari sconosciuti ai servizi sociali, i restanti già conosciuti e 61 già in carico.
Quindi oltre il 6% della popolazione è stata aiutata fattivamente per un totale di 1021 persone.

Inoltre sono 50 i pacchi già consegnati dalla Protezione Civile casalese o da altri volontari, provenienti dalla San Vincenzo integrati con il latte UHT e gli snack donati dall’iniziativa Libera Confagricoltura Cremona con i produttori di latte. Sono stati 14 invece i punti commercio che hanno aderito al ricevimento dei buoni spesa stipulando apposito accordo col Comune di Casalmaggiore. “L’esaurimento delle risorse ci ha fatto lanciare l’iniziativa aperta a tutta la cittadinanza di raccolta fondi per il Comune” ha spiegato il sindaco Filippo Bongiovanni.

“A oggi – prosegue il sindaco – abbiamo già raccolto 4500 euro circa, da 20 donatori (tra singoli e associazioni) che ringrazio di cuore. Queste risorse saranno impiegate per le famiglie in difficoltà, non solo su alimenti, ma anche su spese mediche/farmaci o bollette scadute. Ricordo che le donazioni si possono effettuare al conto corrente del Comune di Casalmaggiore presso la tesoreria BANCO BPM SPA filiale di Casalmaggiore. Iban: IT48 U 0503456746 000000214636. CAUSALE: “DONAZIONE PER EMERGENZA COVID-19″. Per i soggetti che effettuino tali donazioni, sarà possibile usufruire degli incentivi fiscali per erogazioni liberali in denaro e in natura già previsti dall’art.66, DL 18/2020 “cura Italia”. Ringrazio tantissimo, per la loro abnegazione, le dipendenti del settore servizi sociali, che non hanno mai fatto mancare il loro supporto e che sono state subissate di richieste, aumentando, in questa emergenza, la loro disponibilità a tutto campo”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti