Ultim'ora
Commenta

Lorenzo Gardini (M5S
Viadana): "Covid19, più
potere ai medici di famiglia"

Un altro fronte di intervento che resta imprescindibile è quello della vera prevenzione delle patologie respiratorie che si attua motivando i pazienti a condurre stili di vita sani, insistendo sulle corrette abitudini alimentari e sull'esercizio fisico

VIADANA – Il Dr. Lorenzo Gardini, candidato sindaco del Movimento 5 Stelle Viadana, esprime le proprie considerazioni in merito alla necessità di rivalutare il ruolo dei medici di famiglia nella gestione delle problematiche connesse all’emergenza Covid 19

“Come già auspicato nel precedente comunicato, e come ribadito da molti medici del dipartimento di cure primarie, soprattutto ora che siamo nella fase di allentamento delle misure di restrizione della libertà, è necessario semplificare e rendere il più rapido possibile il processo di diagnosi, cura e isolamento dei contatti dei pazienti Covid 19. Il razionale per cui si richiede un intervento rapido sta nel fatto che prima interveniamo più riduciamo il rischio di contagio tra la popolazione.

Infatti, attualmente c’è una latenza procedurale nell’isolamento delle persone potenzialmente contagiate. Certamente il Dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica resta centrale nel coordinamento e nella supervisione di questi processi, ma credo che sia il momento di permettere al medico del territorio di contribuire pienamente alla riduzione dei contagi.

I medici di famiglia infatti dovrebbero essere tra gli attori principali nella gestione dell’epidemia durante la fase 2; in particolare si auspica che possano prescrivere direttamente esami diagnostici per Covid 19 senza doversi limitare a segnalare il sospetto caso all’ATS.

Anche l’isolamento dei contatti di pazienti Covid 19 dovrebbe essere permesso ai medici di famiglia e, in generale, ai medici che operano sul territorio per limitare immediatamente la diffusione del virus. Riguardo a questa questione è auspicabile che i medici del territorio abbiano la possibilità di emettere questi certificati INPS che giustifichino l’assenza da lavoro per motivi di quarantena ma anche per motivi di rischio legato alla vulnerabilità e alle patologie croniche del paziente.

Del tutto fallimentare si è rivelata la politica di costruire nuove strutture ospedaliere in un periodo di forte carenza di personale sanitario e di difficoltà nel gestire a pieno regime i presidi ospedalieri già esistenti. Come Gruppo Viadana 5 Stelle crediamo nel potenziamento delle strutture già esistenti sul territorio attraverso il reclutamento di professionisti e l’offerta di servizi d’eccellenza.

Un altro fronte di intervento che resta imprescindibile è quello della vera prevenzione delle patologie respiratorie che si attua motivando i pazienti a condurre stili di vita sani, insistendo sulle corrette abitudini alimentari e sull’esercizio fisico.

Da non dimenticare che anche l’inquinamento atmosferico, che già di per sè costituisce un’emergenza sanitaria, favorisce la diffusione e l’outcome negativo delle malattie infettive dell’apparato respiratorio. Per cui diventa imprescindibile il ruolo dei decisori politici sulla riduzione dell’inquinamento atmosferico, soprattutto nella nostra Pianura Padana, area a grandissima vocazione agricola e industriale ma geologicamente e metereologicamente predisposta all’accumulo degli inquinanti al suolo.

Da qui la volontà del gruppo Viadana 5 Stelle di investire sulla medicina del territorio, sulla prevenzione primaria, sulle strutture già esistenti come l’ospedale Oglio PO, sulla realizzazione di una Azienda Socio SanitariaTerritoriale Viadanese – Casalasca, sulla ricerca delle correlazioni tra inquinamento e diffusione delle malattie infettive respiratorie”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti