scuola
Commenta

La Diotti non si ferma: il progetto anti bullismo concretizzato anche a distanza da 14 giovani

Da parte della Dirigente Scolastica, della Referente per il bullismo e del personale docente e non docente dell’Istituto va il più sincero ringraziamento per la grande lezione che questi quattordici giovani hanno dato agli adulti ricordando ancora una volta che loro rappresentano un preziosa risorsa.

In un momento di grande destabilizzaizone, tanto fisica che psicologico-emotiva, con una DAD (didattica a distanza) che ha messo (e sta ancora mettendo) a dura prova tanto i docenti quanto i discenti, un gruppo di ragazzi di terza media dell’I.C. Diotti, i cosiddetti referenti del bullismo o peer educators (“gli eroi silenti”), districandosi tra lezioni online, tesine, compiti, esercitazioni ha portato avanti un progetto, “Il contrasto al bullismo e al cyberbullismo – metodi di informazione e prevenzione” che, per forza di cose, a partire dal 21 febbraio scorso, ha subito una brusca battuta d’arresto.

In questi mesi hanno fatto tesoro del percorso di formazione tenuto dall’operatrice del CRIAF di Cremona Linda Biglietti, dei laboratori pomeridiani extrascolastici  guidati dalla referente del bullismo dell’Istituto e da due operatori dell’ATS e ASST di Cremona, Fabio Santini e Amelia Anghinoni, dell’incontro con la scrittrice Laura Calosso per parlare della sindrome di hikikomori, ed hanno realizzato, attraverso un lavoro di squadra a distanza, una locandina “antibullismo” da lasciare alle generazioni future dell’Istituto. Una sorta di loro eredità “formativa”, sapientemente sintetizzata in una locandina, con messaggi e immagini efficaci per persuadere tutti i giovani, più o meno loro coetanei, a denunciare ogni forma di sopruso e a perseguire il rispetto dell’altro e la solidarietà.

L’idea è quella di affiggere ciascuna locandina in ogni ambiente scolastico, reale o virtuale che sia, per tenere costantemente vigile l’attenzione su un fenomeno che continua a mietere vittime. Da parte della Dirigente Scolastica, della Referente per il bullismo e del personale docente e non docente dell’Istituto va il più sincero ringraziamento per la grande lezione che questi quattordici giovani hanno dato agli adulti ricordando ancora una volta, anche in momenti di scoramento e di difficoltà, che loro rappresentano un preziosa risorsa su cui investire e che credere in loro non è mai un gesto di  fiducia mal riposto. Ecco i loro nomi: Albertoni Giorgia (3^E), Anselmi Giorgia (3^C), Benassi Chiara (3^G), Cantarelli Beatrice (3^A), Castellucchio Milton (3^B), Gozzi Samulele (3^B), Lanari Vittoria (3^F), Lazzarini Marco (3^A), Manfredini Annalisa (3^D), Mennella Chiara (3^C), Paroni Marco (3^F), Rossi Giovanni (3^D), Rovesti Chiara (3^D), Stanciu Sofia Marina (3^E).

SCARICA LA LOCANDINA

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti