Commenta

E' arrivata l'Anguilla. Nuovi
attracchi, la mappa online
e mercato in barca

Tre percorsi, dunque, tre idee: il nuovo pontile, che sarà doppio, intende proporre una forma di attracco rinnovata, che consenta anche alle imbarcazioni a remi e alle canoe di potersi avvicinare alla riva e di avere all’altezza idonea il sistema per attraccare.

CASALMAGGIORE – Sbuca attorno alle 12.30 di venerdì, dall’ansa del Grande Fiume incorniciata dalla Finestra sul Po a Casalmaggiore, l’Anguilla. Si tratta della nuova barca acquistata dalla Polisportiva Amici del Po grazie al bando del Gal Terre del Po, con un costo che sfiora i 28mila euro, il 90% dei quali coperto dal finanziamento. Alla guida c’è Graziano Lanzetti, che ha portato l’Anguilla del Po da Cremona a Casalmaggiore. “Abbiamo acquistato questa imbarcazione, ma abbiamo anche ideato nuovi progetti, che vogliamo realizzare nelle prossime settimane” spiega Lanzetti, in accordo col presidente degli Amici del Po Paolo Antonini.

Tre percorsi, dunque, tre idee: il nuovo pontile, che sarà doppio, intende proporre un sistema “rinnovato”, che consenta anche alle imbarcazioni a remi e alle canoe di potersi avvicinare alla riva e di avere all’altezza idonea il sistema per attraccare. Un passaggio non così scontato, dato che molti pontili sono sprovvisti di questo particolare accorgimento. Per quanto riguarda invece il ricovero per i turisti di passaggio, si tratta di una struttura ricettiva che consentirà a chiunque di poter sostare e riposare. Non è tutto però: gli Amici del Po stanno infatti pensando di mettere on line le varie modalità di discesa del Grande Fiume, creando un vero e proprio percorso virtuale, che consenta di conoscere lunghezza e durata delle varie tappe e le difficoltà per ciascun canottiere. “La domanda che ci fanno spesso – aveva detto nei giorni scorsi il presidente Paolo Antonini – è quanti giorni ci vogliono per arrivare a Venezia. Creare una mappa on line può fornire la risposta a portata di click”.

La chicca l’abbiamo tenuta alla fine: l’Anguilla del Po potrà essere utilizzata come una sorta di traghetto da Sorbolo Mezzani e da Colorno per un motivo molto particolare. “Vorremmo provare a portare i residenti della sponda parmense al mercato del sabato di Casalmaggiore. Ovviamente in barca, con la nostra Anguilla”. Di questa idea, per rivitalizzare il fiume e il turismo di prossimità, si era parlato prima del caos Coronavirus in una riunione legata al Mab Unesco. Adesso i tempi sembrano maturi, ma serve l’appoggio – anche economico per evitare che il biglietto per chi vorrà usufruire del passaggio sia troppo costoso – dei comuni ed eventualmente della Pro Loco. Una sorta di convenzione che può rilanciare pure il mercato del sabato a Casalmaggiore. Qualcosa di simile in passato era avvenuto tra Pizzighettone e Gera d’Adda. Essendo richiudibile, l’Anguilla può viaggiare fino a metà ottobre senza temere le intemperie. Mentre il percorso progettuale di VenTo, la ciclabile Torino-Venezia sul Po, va avanti in parallelo, a Casalmaggiore – con sei posti per le biciclette previsti a bordo dell’Anguilla – qualcuno prova ad anticipare i tempi.

G.G.

 

© Riproduzione riservata
Commenti