scuola
Commenta

La scuola per l'infanzia di Commessaggio diventa campo estivo

La scuola per l'infanzia di Commessaggio sveste il tradizionale grembiulino ed indossa gli abiti del campo estivo per fornire un servizio di grande sostegno alle famiglie e dare un ulteriore segnale verso l'uscita dal periodo buio. La duttilità diventa dunque un elemento essenziale nel segmento temporale che va da lunedì fino al 31 luglio.

COMMESSAGGIO – La scuola per l’infanzia sveste il tradizionale grembiulino ed indossa gli abiti del campo estivo per fornire un servizio di grande sostegno alle famiglie e dare un ulteriore segnale verso l’uscita dal periodo buio. La duttilità diventa dunque un elemento essenziale nel segmento temporale che va da lunedì fino al 31 luglio.
“Partiamo con 10 bambini dai 3 ai 6 anni nel rispetto delle regole anticovid 19 – si legge nella nota inviata dal personale della scuola – nella speranza di poter aggiungere altri 3 bambini della Sezione Primavera”.
Nella fascia d’età più giovane si conta un insegnante ogni tre bambini, un rapporto che diventa di uno a sei per la classe più avanzata. Il personale è lo stesso che lavora in condizioni normali durante l’anno ed il plesso è stato sanificato per rendere gli ambienti sicuri con l’orario previsto per l’iniziativa che va dalle 7:30 al mattino fino alle 16 in modo da garantire ai genitori lavoratori la possibilità di lasciare i propri figli in un ambiente stimolante.
“La scuola organizza le attività prevalentemente all’aperto con gazebo installati nel grande giardino e ovviamente aule già predisposte all’interno  in caso di pioggia o caldo e eccessivo. Abbiamo voluto dare un segno di speranza in questo periodo tristissimo – continua -, di solidarietà nei confronti di tante famiglie in difficoltà di conciliazione casa/lavoro  e risposta al desiderio di socialità dei bambini. Purtroppo le regole stringenti non ci permettono di soddisfare tutte le richieste ma a settembre come Scuola dell’Infanzia saremo pronti ad accogliere tutti i nostri iscritti”.
Alessandro Soragna

© Riproduzione riservata
Commenti