Politica
Commenta

Viadana, Alessia Minotti lancia l'idea del bilancio partecipativo

"Il cittadino può proporre realizzazione di un’opera che ritiene utile per migliorare la qualità della vita in città: un’idea che riguarda il verde pubblico, le scuole, lo sport, la viabilità, l’innovazione tecnologica, la cultura, l’arredo urbano, i giovani, la solidarietà sociale. Progetti per la città collegati che possono essere realizzati dal Comune con il budget a disposizione”.

VIADANA – “La partecipazione e la condivisone delle idee per il rilancio della città sono fondamentali per il rilancio della città di Viadana, per questo motivo nel mio programma elettorale ho deciso di inserire il bilancio partecipativo per dare voce  ai cittadini viadanesi”. A lanciare la nuova idea è Alessia Minotti, candidata sindaco di Viadana. “La Giunta Comunale – spiega Minotti, illustrando il bilancio partecipativo – stanzierà un budget nel bilancio del comune ogni anno e questa cifra sarà dedicata esclusivamente a questo progetto. Il cittadino può proporre realizzazione di un’opera che ritiene utile per migliorare la qualità della vita in città: un’idea che riguarda il verde pubblico, le scuole, lo sport, la viabilità, l’innovazione tecnologica, la cultura, l’arredo urbano, i giovani, la solidarietà sociale. Progetti per la città collegati che possono essere realizzati dal Comune con il budget a disposizione”.

“Possono partecipare – spiega Minotti – tutti i cittadini residenti con più di 16 anni, da soli o in forma associativa. I proponenti non potranno pretendere un uso esclusivo dei beni progettati.  Ogni progetto dovrà quindi – pena esclusione – riguardare opere o investimenti fruibili da tutti i cittadini senza limitazione alcuna. Sono poi i cittadini a scegliere quale progetto premiare. In Comune un gruppo di lavoro organizzativo valuta i progetti unicamente secondo criteri tecnico-finanziari e inserisce quelli ammessi nel Documento di Bilancio Partecipativo, che sarà reso pubblico. Quindi il Sindaco indice una consultazione popolare, cui possono partecipare tutti i cittadini residenti con più di 16 anni, che potranno votare online la proposta che ritengono migliore. Un progetto plurale che appartiene a tutti quelli che vi partecipano”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti