Commenta

Biblioteca Mortara, come
funziona la ripartenza: e anche
i libri vanno in quarantena

La regola d’oro per rapportarsi con la biblioteca Mortara è una sola di questi tempi: rivolgersi sempre al personale e aspettare la mediazione. Sia per andare nelle sale di studio sia per il ritiro di volumi. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

CASALMAGGIORE – Distanza di un metro tra gli utenti, mani da disinfettare all’ingresso, ovviamente mascherina da tenere anche ai tavoli, a meno che non si faccia parte dello stesso nucleo famigliare, misurazione della febbre all’ingresso e plexiglass davanti alla reception. Sin qui tutto normale, di questi tempi, ma la novità che contraddistingue la missione anti-Coronavirus della biblioteca Mortara di Casalmaggiore passa da un concetto: pure i libri vanno in quarantena, alla loro restituzione, come spiega la responsabile Sandra Furini. Lo fanno per dieci giorni, prima di essere di nuovo disponibili per il prestito.

La regola d’oro per rapportarsi con la biblioteca Mortara è una sola di questi tempi: rivolgersi sempre al personale e aspettare la mediazione. Sia per andare nelle sale di studio sia per il ritiro di volumi. All’utente viene invece demandato da subito un compito importante, ossia quello di disinfettare la propria postazione sia all’arrivo che alla partenza, con il materiale che la biblioteca mette a disposizione. In sala lettura i posti sono trenta. Per quanto riguarda i giornali, invece, è particolare la scelta fatta: non potendo passare di mano in mano, i quotidiani presenti vengono di fatto regalati a chi li prende; per le riviste e i settimanali, invece, vale la regola dei libri, ossia la quarantena. La biblioteca di Casalmaggiore ha cambiato anche orari: adesso è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 oltre al sabato mattina. E se l’accesso è libero, la prenotazione dei libri è caldeggiata: facilita il lavoro degli addetti alla ricerca, riduce il tempo trascorso dall’utente nel luogo pubblico e consente di utilizzare al meglio il sistema interbibliotecario.

G.G.

 

© Riproduzione riservata
Commenti