Spettacolo
Commenta

'Una sera a Santa Chiara': l'amministrazione regala alla città un'estate ricca di spettacoli

La rassegna si chiamerà “Una sera a Santa Chiara”, rassegna estiva di cinema, teatro e musica e partirà il 19 luglio per arrivare alla data del 26 settembre. Tutti spettacoli di ottima qualità,

CASALMAGGIORE – Se qualcosa il Covid19 lo ha insegnato è sicuramente la più stretta collaborazione tra enti ed associazioni per affrontare i problemi, e come in questo caso risolverli. Va premiato lo sforzo, anche dell’Amministrazione, di fare qualcosa degno di essere ricordato, e soprattutto vissuto in un tempo in cui ancora si fa fatica a riprendere una parvenza di vita normale, soprattutto per ciò che concerne lo spettacolo. Anche l’estate Casalese sarà ricca di appuntamenti, di momenti ed occasioni per – pur nel rispetto di tutte le regole in essere – uscire e stare insieme. Film, musica, spettacolo nel ricchissimo calendario approntato dall’Amministrazione, dagli Amici del Casalmaggiore International Festival (orfani quest’anno, e dopo tanti anni, dell’ormai tradizionale Festival ultraventennale), Assessorato alla Cultura, Biblioteca Civica, Museo Diotti, Teatro Comunale, Fondazione Santa Chiara, Pro Loco Casalmaggiore, Fotocine Casalasco 1966, con il contributo di Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona Onlus e Azienda Farmaceutica Municipale di Casalmaggiore.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina in comune alla presenza di Filippo Bongiovanni, primo cittadino,  Angelo Porzani, presidente degli Amici del Casalmaggiore International Festival, Giuseppe Romanetti, direttore del teatro Comunale e Vittorio Rizzi, referente per la biblioteca oltre che membro degli Amici del Casalmaggiore International Festival.

La rassegna si chiamerà “Una sera a Santa Chiara”, rassegna estiva di cinema, teatro e musica e partirà il 19 luglio per arrivare alla data del 26 settembre. Tutti spettacoli di ottima qualità, e ‘chicche’ come la proiezione di documentari legati all’arte e alla storia recente della città. Ingresso gratuito sino ad esaurimento posti, senza prenotazione. L’ingresso sarà consentito a partire da mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo. Tutti gli spettacoli si terranno nel chiostro grande di Santa Chiara, via Formis 5, Casalmaggiore, tranne il concerto conclusivo che si terrà nel Teatro Comunale di Casalmaggiore, via Cairoli 57. Gli spettacoli si svolgeranno nel rispetto dei protocolli previsti per l’emergenza sanitaria Covid-19. Tutti a debita distanza, ma uniti, sotto la bandiera dell’arte. 16 spettacoli che uniti alle iniziative diversificate sul territorio (da quelle dei commercianti al food truck di fine mese, sino ad altre in programmazione) fanno del calendario estate 2020 davvero un calendario speciale, ed apprezzabile.

“Come comune di Casalmaggiore – ha spiegato il sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni – abbiamo pensato di unire le forze per dsre alla popolazione per questa estate la possibilità di assistere a diversi spettacoli. Faremo una rassegna in Fondazione Santa Chiara, che ringrazio per la collaborazione, nel cortile, aperta a tutti, gratuita. Ci saranno le nostre maggiori forze messe assieme. Dagli Amici del Casalmaggiore International Festival che quest’anno non potranno fare il consueto festival di Musica Classica e da camera ma che lo stesso hanno organizzato quattro concerti. Avremo anche le serate cinema che di solito facevamo al Diotti, ci saranno film legati a grandi pittore. Poi avremo per le famiglie spettacoli dei burattini, documentari interessanti con materiale raccolto negli anni”.

“Quest’anno – ha aggiunto Angelo Porzani – siamo orfani del festival ma abbiamo aderito con piacere alla proposta che ci è arrivata dagli operatori culturali del comune e da Vittorio Rizzi che è una delle colonne portanti del festival di essere in qualche modo i capofila di questa iniziativa che interessa molti ambiti, dal cinema alla musica e consente a noi di poter assistere a 4 concerti e due di musica da camera e mantenere il piacere di ascoltare musica dal vivo a Casalmaggiore”.

“Mi è stato chiesto come direttore del teatro di collaborare e mi sono dato da fare con proposte. Mi sono occupato della parte teatrale e musicale. I burattini, perché i burattini sono come diceva Von Kleist attori perfetti proprio perché non hanno sentimenti loro e per sfatare il mito che siano uno spettacolo per bambini. Sono uno spettacolo per tutti, dalla grande comunicatività. Poi due concerti di musiche popolari, non populiste, di altissimo livello. Credo che saranno serate piacevoli e colte allo stesso tempo, così come deve essere il teatro popolare sì, ma d’arte”.

Vittorio Rizzi ha riportato particolari di altri spettacoli, ricordando l’importanza di altre figure dell’ambito culturale che fanno riferimento all’amministrazione, prime fra tutte tre donne importanti, Letizia Frigerio, Santina Maldotti e Roberta Ronda.




Programma

Domenica 19 luglio, ore 21:30I colori della Passione Film di Lech Majewski (2011). La storia di alcuni dei cinquecento personaggi dipinti nel quadro ‘Salita al Calvario’ del pittore fiammingo Pieter Bruegel il Vecchio. Il tema della sofferenza del Cristo è ambientato al tempo delle repressioni religiose nelle Fiandre, durante la metà del XVI secolo. In caso di maltempo la proiezione si terrà nella stessa sede il giorno successivo

Sabato 25 luglio, doppio spettacolo con inizio alle ore 19:00 e alle 21:00 – Il Florindo innamorato. Commedia in due atti. Spettacolo di burattini del Teatro Medico Ipnotico. Burattinaio: Patrizio Dall’Argine. Assistente: Veronica Ambrosini. Una baracca, sette personaggi e un burattinaio per raccontare una commedia d’altri tempi dove un vecchio e ricco cavaliere vuole comprare l’amore di Rosina, la giovane figlia dello zotico Sandrone. Da 0 a 99 anni. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nel Teatro Comunale, via Cairoli 57.

Martedì 28 luglio, ore 21:30 – Il ritratto negato Film di Andrzej Wajda (2016). Biografia di W?adys?aw Strzemi?ski, pittore e teorico dell’arte polacco che, nella Polonia sovietizzata del dopoguerra, viene vessato dal regime perché non aderisce agli stereotipi del realismo socialista. In caso di maltempo la proiezione si terrà nella stessa sede il giorno successivo.

Martedì 4 agosto, ore 21:30 – Don’t Worry Filmdi Gus Van Sant (2018). Dopo aver trascorso l’adolescenza tra alcol e droghe, all’età di 22 anni John Callahan è vittima di un grave incidente automobilistico, rimanendo paralizzato e costretto su una sedia a rotelle. Callahan per sfuggire all’alcool e alle sofferenze, trova nel disegno una terapia per risollevarsi. In caso di maltempo la proiezionesi terrà nella stessa sede il giorno successivo.

Domenica 9 agosto, ore 21:30 – L’ultimo inquisitore (Goya’s Ghosts). Film di Miloš Forman (2006). Dramma storico ambientato nella Spagna di Francisco Goya. Attraverso gli occhi del grande pittore è narrata la storia di un gruppo di persone travolte da grandi rivolgimenti politici e cambiamenti storici. In caso di maltempo la proiezione si terrà nella stessa sede il giorno successivo.

Martedì 11 agosto, ore 21:30 – Shaun, vita da pecora. Il film Film di animazione di Richard Starzak e Mark Burton (2015). La pecora Shaune i suoi amici decidono di prendersi un giorno di riposo alla fattoria e fanno addormentare il fattore. Una cosa semplice, per delle pecore, ma dalle conseguenze imprevedibili. In caso di maltempo la proiezione si terrà nella stessa sede il giorno successivo.

Martedì 25 agosto, ore 21:00 – Macbeth all’improvviso. Dramma in due atti per burattini liberamente tratto da W. Shakespearedi Gigio Brunello e Gyula Molnàr Regia Gyula Molnàr, con Gigio Brunello. Premio della Critica Teatrale – Associazione Nazionale Critici di Teatro, 2002; Premio Sirena d’oro – Festival Internazionale dei Burattini e delle Figure “Arrivano dal Mare!”, 2002. Il burattinaio si scusa con il pubblico: il Macbeth non andrà in scena a causa di contrattempi dovuti alla costruzione dei nuovi burattini. Al posto della tragedia farà una commedia servendosi delle maschere della Commedia dell’Arte e della stessa baracca che lui aveva ideato per il Macbeth. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nel Teatro Comunale, via Cairoli 57.

Domenica 30 agosto, ore 21:00 – Il corpo simbolico. Il pesce e la ferita nell’opera di Fabrizio Merisi. Documentario di Fabrizio Merisi ed Emanuele Piseri. La vita, le riflessioni e l’opera di Fabrizio Merisi in un documentario che ricostruisce un percorso possibile nel magma delle creazioni dell’artista. In caso di maltempo la proiezione avverrà nello Spazio Rossari del Museo Diotti, via Formis 17.

Martedì 1 settembre, ore 21:00 – Concerto del Quartetto Mitja. Giorgiana Strazzullo, violino, Pasquale Allegretti Gravina, violino, Carmine Caniani, viola, Veronica Fabbri Valenzuela, violoncello, Musiche di Claude Debussy e Maurice Ravel. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nel Teatro Comunale, via Cairoli 57. Giovedì 3 settembre, ore 21:00. Memorie patafisiche Video documentazione di Pierluigi Bonfatti Sabbioni. Presentazione di Afro Somenzari. Documentazione video delle iniziative patafisiche realizzate sul territorio. In caso di maltempo la proiezione avverrà nello Spazio Rossari del Museo Diotti, via Formis 17.

Domenica 6 settembre, ore 21:00. Solo Accordi on Recital Renzo Ruggieri, fisarmonica. Un concerto pensato per esaltare le diverse anime dell’artista attraverso le sue più note composizioni e improvvisazioni. Il repertorio affrontato da Ruggieri, fisarmonicista di fama internazionale, si svolge sui racconti musicali che spaziano da Bach ad Astor Piazzolla fino alla musica popolare italiana. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nel Teatro Comunale, via Cairoli 57.

Martedì 8 settembre, ore 21:00 – Documenta. Videoproiezioni dal Fondaco Evolventia cura di Pierluigi Bonfatti Sabbioni. Presentazione di Andrea Visioli. Documentazione video delle attività del “Gruppo Evolventi” sul finire degli anni ’90. In caso di maltempo la proiezione avverrà nello Spazio Rossari del Museo Diotti, via Formis 17.

Domenica 13 settembre, ore 21:00 – Tracce. Giovanni Seneca, solo chitarra. Tracce è un recital per chitarra sola completamente incentrato su composizioni che hanno come tratto saliente la fusione tra colto e popolare. I brani presentati in programma sono stati tratti da musiche e temi ispirati al bacino del Mediterraneo scritti per chitarra sola. L’utilizzo di diversi tipi di chitarre (Classica, Flamenca e Battente) durante il concerto esalta le sfumature di ogni composizione. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nel Teatro Comunale, via Cairoli 57.

Martedì 15 settembre, ore 21:00 – Casalmaggiore International Festival: vent’anni in musica. Documentario di Pierluigi Bonfatti Sabbionie Jacopo OrloIn caso di maltempo la proiezione avverrà nell’Auditorium Comunale, via Porzio5.

Sabato 26 settembre, ore 21:00 – TEATRO COMUNALE DI CASALMAGGIORE, via Cairoli 57. Concerto del Trio Hèsperos Filippo Lama, violino, Stefano Guarino, violoncello, Riccardo Zadra, pianoforte. Musiche di Ludwig van Beethoven e Johannes Brahms.




Sarà un’estate intensa dunque. E il ricco calendario testimonia come l’impegno per dare a tutti i casalesi qualcosa degno d’essere vissuto non sia stato vano.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti