Commenta

Dopo il Covid, alla Rsa di Sospiro
incentivi per gli infermieri. Scotti:
'Sono quelli che hanno sofferto di più'

Anche le residenze del dipartimento disabili di Sospiro, Bedizzole e Brescia sono Covid free. A distanza di una settimana dall’annuncio, da parte dei vertici di Fondazione Sospiro, in cui si diceva che l’area anziani non aveva più casi di positività al Coronavirus tra ospiti e personale, ora la tanto attesa buona notizia arriva anche per chi risiede e lavora nelle Rsd.

Anche le residenze del dipartimento disabili di Sospiro, Bedizzole e Brescia sono Covid free. A distanza di una settimana dall’annuncio, da parte dei vertici di Fondazione Sospiro, in cui si diceva che l’area anziani non aveva più casi di positività al Coronavirus tra ospiti e personale, ora la tanto attesa buona notizia arriva anche per chi risiede e lavora nelle Rsd.

“Come avevamo sperato, proprio nei giorni scorsi, abbiamo avuto l’esito degli ultimi tamponi processati relativamente alle Rsd. Tutti i residenti e operatori sono negativi. Dal 9 di aprile (ovvero da quando è stato concesso) è iniziato uno screening durato tre mesi circa che ha coinvolto 700 residenti tra Rsa e Rsd e 800 operatori. Oggi possiamo dire che anche tutti i nostri residenti con disabilità, ovvero 428 persone, dislocate in 21 diverse residenze tra Sospiro, Brescia e Bedizzole sono risultati negativi.

In questi difficili mesi in cui la pandemia ha travolto la nostra provincia e la nostra realtà, è stato fatto un lavoro straordinario. Per quanto concerne le Rsd sono stati effettuati esami sierologici su oltre 400 residenti e più di mille tamponi (mediamente due tamponi a testa). Ora possiamo, in modo più tranquillo, riattivare le visite dei familiari che nei mesi scorsi erano state sospese per ragioni di sicurezza e contenimento del contagio. In questo lungo periodo ogni giorno abbiamo aggiornato le famiglie sullo stato di salute dei propri cari e, a turnazione, dalle prime settimane di marzo, abbiamo garantito le videochiamate”.

Sono stati riattivati anche i servizi per i disabili, come l’ambulatorio minori, il centro diurno e i laboratori delle Rsd. La struttura dunque è completamente libera dal virus e proprio in questi giorni sono iniziati gli ingressi di nuovi ospiti. “Partendo adesso – prosegue Scotti – ci poniamo come obiettivo quello di tornare e pieno regime entro la fine del mese di settembre, questo anche per continuare a garantire a pieno il livello occupazione di tutti i nostri operatori”

Scotti ringrazia anche gli operatori: “Ringrazio ancora tutto il personale medico, gli infermieri, gli educatori e tutti gli operatori per il lavoro di squadra di questi cinque mesi. Da inizio marzo si è riunito un comitato organizzativo (due volte a settimana sino alla fine di Aprile, successivamente una volta a settimana) con tutti i responsabili dei servizi per fare il punto sull’evolversi dell’epidemia. Uno straordinario  lavoro di squadra. Teniamo a specificare che da Giugno le ferie e i riposi sono ripartiti per tutti i nostri operatori, ad eccezione degli infermieri delle Rsd che riprenderanno da metà Luglio. Abbiamo riconosciuto da Marzo l’indennità sul mancato riposo per tutti gli operatori”,

In merito agli infermieri, la categoria che forse ha risentito maggiormente della pressione di questi mesi, il Consiglio di Amministrazione di Fondazione Sospiro ha deciso di dare un segnale importante: 150 Euro in più al mese in busta paga da Luglio a Dicembre per ogni infermiere con contratto Uneba che lavora nelle Rsd, una ventina di figure professionali.

“Il contratto Uneba è un contratto riconosciuto dai sindacati i cui emolumenti sono fissati dalla normativa” continua Scotti. “Come Fondazione Sospiro abbiamo deciso di riconoscere questo incremento mensile per il secondo semestre 2020. Da Gennaio 2021 come il CdA prenderà in esame quali iniziative assumere per poter garantire questo tipo di incentivi, tenuto conto che, ad oggi, abbiamo avuto un aumento dei costi a fronte  di posti letto che, al momento, non sono stati ancora tutti occupati”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti