Politica
Commenta

Distretti del Commercio, Viadana ko. E' bagarre elettorale, Alessia Minotti all'attacco

"Le misure restrittive per il Covid-19 hanno portato ad una profonda crisi per il commercio e per le industrie. Le attività hanno bisogno di essere ascoltate ed aiutate a risolvere le problematiche e risollevare questo trend negativo. Viadana ha bisogno di un rilancio importante non solo per il centro ma per tutte le attività presenti sul territorio”.

VIADANA – Rischia di essere uno dei temi della campagna elettorale a Viadana. Perché proprio il comune viadanese non fa più parte dei Distretti del Commercio. A darne notizia il sindaco di Commessaggio Alessandro Sarasini, perché anche i comuni limitrofi dovrebbero risentire di questa perdita, e Gianni Fava, in lotta ora con l’attuale amministrazione che all’inizio del percorso, cinque anni fa, aveva sostenuto. Come il Movimento 5 Stelle rivendica, tuttavia, si deve al consigliere regionale per Mantova Andrea Fiasconaro la scoperta di una mancanza definita grave da parte dell’amministrazione.

Intanto, come detto, la campagna elettorale si scalda e quello dei Distretti del Commercio è senz’altro un elemento portante. Alessia Minotti, candidata sindaco ed ex assessore della giunta uscente, parla di “grave danno per il Commercio a Viadana e Comuni limitrofi. Ad ottobre 2019 il Comune di Viadana doveva confermare l’iscrizione on line ai distretti del Commercio e la procedura non è stata effettuata. Questa mancanza ha fatto perdere a Viadana ed ai comuni limitrofi un contributo a fondo perduto di 100.000 € da utilizzare per tutte le attività commerciali ed artigiane a fronte di una spesa di 200.000 €. Inoltre ai Comuni sarebbero arrivati dei fondi per fare investimenti per la rigenerazione urbana e per il tessuto commerciale. Il bando promosso da Regione Lombardia era finalizzato a sostenere i Distretti del Commercio come volano per la ricostruzione economica territoriale urbana nei settori del commercio, artigianato, ristorazione e terziario”.

“Sul mantovano – spiega Minotti – sono stati confermati tre distretti del Commercio: Mantova, Marmirolo e Bagnolo San Vito. Viadana perché ha perso questa opportunità? I vertici della Lega, partito che governa a Viadana, sono a conoscenza della situazione di Viadana? Viadana dovrebbe fare da capofila! Perché gli Amministratori non riescono a controllare gli uffici e sollecitarli nelle pratiche da evadere? Chi ha la delega al commercio dovrebbe dimettersi per non aver fatto gli interessi dei Viadanesi. Le misure restrittive per il Covid-19 hanno portato ad una profonda crisi per il commercio e per le industrie. Le attività hanno bisogno di essere ascoltate ed aiutate a risolvere le problematiche e risollevare questo trend negativo. Viadana ha bisogno di un rilancio importante non solo per il centro ma per tutte le attività presenti sul territorio”.

Quasi inutile evidenziare come la discussione sui social abbia subito scaldato gli animi: tra i detrattori di Minotti, accusata di essere stata in giunta fino a pochi mesi fa e di non avere controllato, tale Peppino Bottari, nome che ricorda da vicino quello di un noto esponente della Lega provinciale con residenza proprio a Viadana. Un avatar sotto mentite spoglie? Minotti ha risposto di essersi dimessa proprio perché poco coinvolta e che, in ogni caso, la delega al Commercio non spettava a lei.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti