Ultim'ora
Commenta

Alla Fontana di Casalmaggiore
il primo pellegrinaggio virtuale
dell'Unitalsi in Lombardia

Il video è stato pubblicato sui diversi canali social dell’Unitalsi regionale che, insieme a quelli delle altre sottosezioni, vuole garantire e assicurare la sua vicinanza ai propri malati, amici e sostenitori. Sempre vicini anche se lontani, insomma, mediante la forza della tecnologia e con un pellegrinaggio virtuale che pure avvicina anche a quello reale. GUARDA IL VIDEO

CASALMAGGIORE – Si può dimostrare la propria fede anche se le regole non consentono massima libertà di movimento. E si possono organizzare pellegrinaggi nelle chiese della Diocesi di Cremona anche in tempo di Coronavirus. Un pellegrinaggio insolito, un format completamente nuovo. Le Sottosezioni dell’Unitalsi Lombarda hanno proposto, con creatività, la scoperta delle ricchezze spirituali che il territorio lombardo offre. Il suggerimento, arrivato dalla Presidenza regionale, è stato accolto in modo positivo dalle diverse sottosezioni, tra le quali quella cremonese.

L’idea ha consistito nella produzione di un filmato registrato in uno dei Santuari della Diocesi di appartenenza, proponendo un’occasione di preghiera e un momento di meditazione per tutti coloro che avrebbero voluto e dovuto partecipare ai consueti pellegrinaggi proposti dall’Unitalsi, ma che a causa della situazione di emergenza sono stati posticipati. Per la sottosezione cremonese il Santuario scelto è stato quello della Fontana di Casalmaggiore. I frati cappuccini hanno gentilmente aperto le porte alla delegazione unitalsiana, composta per l’occasione dal presidente Tiziano Guarneri, dall’assistente spirituale don Maurizio Lucini e da alcuni giovani volontari. Preghiera e storia hanno fatto da centro focale del pellegrinaggio virtuale. È stata così l’occasione per far conoscere un centro di forte spiritualità e altrettanta vicinanza nel territorio casalasco. Il video è stato pubblicato sui diversi canali social dell’Unitalsi regionale che, insieme a quelli delle altre sottosezioni, vuole garantire e assicurare la sua vicinanza ai propri malati, amici e sostenitori. Sempre vicini anche se lontani, insomma, mediante la forza della tecnologia e con un pellegrinaggio virtuale che pure avvicina a quello reale.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti