Commenta

L'auto ripescata dal Po
è intestata a un mantovano:
ma ha subìto vari passaggi

Si è scoperto che l’auto era intestata a un uomo residente a Mantova città, tuttavia la stessa è stata oggetto di vari passaggi nel tempo, il che rende più complesso capire chi fosse effettivamente alla guida al momento della sparizione (ammesso e non concesso che al volante non vi fosse il ladro dell'auto, se il furto sarà confermato).

VIADANA – Prosegue il mistero sull’Alfa Romeo 147 di colore azzurro, recuperata lunedì mattina dalle acque del Po. A bordo non vi era nessuno, questo ormai è certo. Il fatto che i finestrini fossero rotti può fare pensare anche all’ipotesi che qualcuno sia riuscito a liberarsi dall’interno, per fare poi perdere le proprie tracce. E questa sarebbe l’alternativa peggiore, perché con la corrente molto forte in quel punto, l’eventuale persona a bordo potrebbe avere fatto una brutta fine. Tuttavia è questo un orizzonte fosco e difficile da dimostrare: in primis nessuna scomparsa è stata denunciata, né parlando di automobili né di persone fisiche; in secondo luogo i finestrini potrebbero essersi frantumati anche durante l’inabissamento, prima a causa degli urti subiti dalla carrozzeria a riva e poi per la pressione dell’acqua e della corrente.

Non è tutto: a fare propendere per l’ipotesi del furto dell’auto, utilizzata magari per un colpo e poi spedita in fondo al fiume, è il fatto che nel vano di accensione sia stato trovato un cacciavite, forse utilizzato per mettere in moto il mezzo, mancando le chiavi. Va sottolineato una volta di più come furto o scomparsa dell’auto non siano appunto mai stati denunciati. Dalla targa dell’auto, rimasta intatta, si potrà muovere il primo passo verso la risoluzione del rebus misterioso. A tal proposito si è scoperto che l’auto era intestata a un uomo residente a Mantova città, tuttavia la stessa è stata oggetto di vari passaggi nel tempo, il che rende più complesso capire chi fosse effettivamente alla guida al momento della sparizione (ammesso e non concesso che al volante non vi fosse il ladro dell’auto, se il furto sarà confermato). Al lavoro ci sono i Carabinieri di Viadana, coordinati dal capitano Gabriele Schiaffini.

NC-GG

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti