Commenta

San Daniele, il Ponte
Verdi riaprirà il 25 settembre
a senso unico alternato

Il ponte, che collega Ragazzola sulla sponda parmense a San Daniele Po su quella cremonese, è chiuso dallo scorso 27 luglio, la riapertura è prevista per il 25 settembre a senso unico alternato, con carichi fino a 56 tonnellate
Nella foto: Bertocchi, Rossi, Spigaroli, Gattara, Monteverdi sotto il ponte Verdi

SAN DANIELE PO – Stamattina il presidente della Provincia Diego Rossi e il Delegato provinciale per la Viabilità Giovanni Bertocchi hanno compiuto un sopralluogo sul Ponte Verdi sul Po, accompagnati dai Sindaci dei Comuni di Roccabianca Alessandro Gattara e di Polesine – Zibello Massimo Spigaroli, insieme al Dirigente del Servizio provinciale Viabilità Gianpaolo Monteverdi, che è anche il direttore dei lavori, e ai tecnici dell’impresa.

Il ponte, che collega Ragazzola sulla sponda parmense a San Daniele Po su quella cremonese, è chiuso dallo scorso 27 luglio, la riapertura è prevista per il 25 settembre a senso unico alternato, con carichi fino a 56 tonnellate, oltre le 44 tonnellate previste a suo tempo.

La chiusura si è resa necessaria per consentire il ripristino del ponte, in particolare il risanamento delle travi di impalcato, evitando le vibrazioni del traffico, che avrebbero impedito la corretta maturazione dei materiali impiegati.

“Abbiamo già ottenuto 20 milioni di euro, oltre i 6 milioni già impegnati nel ripristino in corso – ricorda il Presidente Rossi – ma l’obiettivo è quello di ottenere un ulteriore finanziamento di 25 milioni di euro, necessari per la costruzione di un nuovo tratto di ponte, quello in alveo, che è la parte più ammalorata”.

“Il sopralluogo ci ha confermato che era indispensabile la chiusura del ponte, che consente di lavorare su tutta la sede stradale, in sicurezza – ha dichiarato il Delegato alla Viabilità della Provincia di Parma Giovanni Bertocchi – abbiamo verificato che l’impresa sta lavorando sia sopra che sotto il ponte, si prevede che i tempi previsti per la riapertura verranno rispettati”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti