Commenta

Forattini (PD) in Regione:
"Bene l'Italia veloce, ma non si
ignorino le esigenze del territorio"

“Il raddoppio ferroviario della Mantova-Cremona-Codogno e la strada Cispadana che collega Reggiolo a Ferrara sono certamente infrastrutture essenziali per il territorio mantovano, opere che abbiamo atteso da anni e sempre considerato strategiche".

Bene le opere di Italia veloce ma per evitare l’isolamento del territorio servono anche la Mantova-Cremona e la tangenziale di Goito. La consigliera regionale del Pd, Antonella Forattini, commenta così le grandi opere infrastrutturali previste dal decreto semplificazione per il mantovano. “Il raddoppio ferroviario della Mantova-Cremona-Codogno e la strada Cispadana che collega Reggiolo a Ferrara  sono certamente infrastrutture essenziali per il territorio mantovano, opere che abbiamo atteso da anni e sempre considerato strategiche. Per colmare l’atavica arretratezza infrastrutturale del territorio ed evitare l’isolamento però sono necessarie  altre due opere: la tangenziale di Goito, che è parte del Tibre (la Tirreno-Brennero), una delle opere considerata prioritaria  dal decreto ma  solo nel suo primo lotto di 9 chilometri,  e l’autostrada regionale Mantova Cremona, peraltro già inserite nel programma di mobilità regionale”. “Chiediamo – conclude Forattini – al Governo, che  ha già mostrato attenzione al territorio mantovano,  di aprire un dialogo con  regione Lombardia per realizzare queste due opere”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti