Ultim'ora
Commenta

Sabbioneta, polemica
referendum, Pasquali replica
a Vincenzi: "Critiche inutili"

Si fa presente che l’Amministrazione è disponibile a valutare di patrocinare l'evento (cosa che consentirebbe l'utilizzo gratuito dello spazio)
Il sindaco di Sabbioneta, Marco Pasquali

SABBIONETA –  Si innesca il botta e risposta tra il sindaco Marco Pasquali che replica alle critiche di Aldo Vincenzi, suo predecessore come primo cittadino della” Piccola Atene”. Il fulcro della polemica è il referendum sul taglio dei parlamentari con l’ex sindaco che lamenta l’assegnazione di spazi per un incontro informativo concesso a seguito di pagamento lamentando una scarsa propensione civica da parte dell’amministrazione. …

“Gli spazi allestiti di Palazzo Forti saranno adibiti a seggio elettorale – sottolinea Marco Pasquali – per consentire alle scuole di Sabbioneta di non chiudere in occasione del referendum di settembre.
Aula Magna e Sala Rosa saranno presto oggetto di interventi che consentiranno il loro utilizzo per convegni e conferenze con impianto audio e video nuovo già installato, in loco, per sempre.
L’utilizzo del cortile di Palazzo Ducale non è normato da regolamento, ma la definizione di “cortili” parla di un costo di almeno 200 euro. Per i sotterranei del Palazzo per convegni e conferenze anche. Le tariffe approvate a febbraio 2019 per l’utilizzo degli spazi comunali in questione sono nelle immagini.
Vengono chiesti 75 euro per l’utilizzo del cortile con possibilità, in caso di maltempo, di utilizzare i sotterranei. Si precisa che, ovviamente, non essendo uno spazio allestito per quelle occasioni non si possono garantire luci e audio. Che da regolamento, peraltro, restano a carico dell’organizzatore.
Si fa presente che l’Amministrazione è disponibile a valutare di patrocinare l’evento (cosa che consentirebbe l’utilizzo gratuito dello spazio). E niente. Evidentemente le questioni di principio valgono di più. Evidentemente  – continua  Pasquali  nella sua replica – poter dar fiato a inutili critiche vale di più del lavoro degli operai comunali che dovrebbero allestire uno spazio apposta per una iniziativa, quella in questione o un’altra.
Boh. Sembra tutto dovuto. O tutto costruito per creare divisioni. Questo è il vostro stile, non il nostro”.
redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti