Ultim'ora
Commenta

Casaletto, preoccupati per
la ripresa scolastica: l'M5S di
Viadana chiede lumi al sindaco

Ci è stata inoltre evidenziata la problematica relativa al perdurante fermo dei lavori riguardanti l'ampliamento di due aule del plesso scolastico di Casaletto

VIADANA – Preoccupati per la ripresa scolastica a Casaletto. Preoccupati soprattutto per l’immobilismo dell’Amministrazione che – secondo quanto spiega il gruppo M5S di Viadana, non risponde alle sollecitazione. Hanno deciso di scrivere portando alla luce anche le lamentele dei genitori che a poco più di una settimana dall’inizio delle lezioni ancora non sanno nulla di preciso su quello che dovranno fare.

“In questi giorni – spiegano – abbiamo avuto numerosi confronti con genitori di studenti in merito al servizio di trasporto scolastico di competenza comunale. Abbiamo sollecitato l’Amministrazione a dare precise indicazioni e attendiamo un riscontro celere. Genitori e studenti meritano di sapere come il Comune di Viadana intenda organizzare il servizio di trasporto scolastico.

Il 31 Agosto, durante la conferenza Stato-Regioni, sono state definite le linee guida ufficiali dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, pertanto i nostri amministratori dispongono già di tutti gli strumenti necessari per avviare un protocollo sicuro e certo.

Ci è stata inoltre evidenziata la problematica relativa al perdurante fermo dei lavori riguardanti l’ampliamento di due aule del plesso scolastico di Casaletto.

A inizio luglio la dirigente e la referente degli insegnanti di Casaletto, assieme all’ufficio tecnico comunale, avevano individuato nella locale ex sede dell’AVIS (già scuola materna) i locali idonei per lo spostamento di due classi della scuola primaria (le più numerose).

Le garanzie in merito al puntuale completamento dei lavori per tempo, fornite dal Sindaco in un incontro tenutosi sul posto con i genitori a metà dello scorso luglio, ad oggi non sembrano suffragate dai fatti. I genitori hanno costantemente monitorato la situazione e pazientato fino ad oggi ma i lavori, a pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico, non risulterebbero ancora iniziati.

A dieci giorni dall’inizio della scuola e con il sindaco che non risponde a chiamate e solleciti, ci ritroviamo con genitori giustamente molto preoccupati, delusi e sconcertati per il totale disinteressamento, che chiedono di poter avere con celerità risposte e fatti concreti.

Siamo fortemente sorpresi per questa ennesima dimostrazione di “approssimazione gestionale”, aggravata dal fatto che la recente Legge di conversione del decreto Scuola ha previsto che, “al fine di garantire la rapida esecuzione di interventi di edilizia scolastica, anche in relazione all’emergenza da COVID-19, fino al 31 dicembre 2020 i sindaci e i presidenti delle province e delle città metropolitane potranno operare con poteri commissariali”.

Non comprendiamo quindi le ragioni di questo grave ritardo operativo e, come Movimento 5 Stelle, chiediamo di avere risposte celeri sia in merito al trasporto scolastico di competenza comunale che ai previsti lavori di ampliamento della scuola primaria di Casaletto”.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti