Ultim'ora
Commenta

Viadana: scuola post
Covid, interventi per 815mila
euro. Pre-scuola in standby

Sono coinvolte Scuola Infanzia “G. Bedoli” dell’I.C. Viadana, Scuola Primaria “L. Grossi” dell’I.C. Viadana, Scuola Primaria dell’I.C. San Matteo, Scuola Infanzia dell’I.C. San Matteo, Scuola Secondaria di Primo Grado dell’I.C. San Matteo, Scuola Primaria di Casaletto dell’I.C. “San Matteo.

VIADANA – A seguito della pubblicazione delle linee guida del CTS (Comitato Tecnico Scientifico) e del Piano Scuola 2020, l’ufficio tecnico comunale ha effettuato un’analisi in coordinamento con l’assessorato all’istruzione e ai lavori pubblici e i tre Istituti comprensivi scolastici presenti nel Comune di Viadana per le scuole dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado per verificare e valutare gli interventi necessari a rispettare le indicazioni e prescrizioni in materia di sicurezza, igiene e contenimento del contagio.

“La prima verifica – spiega l’assessore alla partita Ilaria Zucchini – è stata effettuata in ordine agli spazi a disposizione e alle dimensioni delle aule e grazie alla disponibilità di nuove aule in edifici recuperati si è potuto risolvere il primo problema. Gli spazi recuperati da edifici inutilizzati o per usi diversi sono i seguenti: nell’ex scuola Materna di Casaletto, utilizzata come ambulatorio e sede associazioni, sono state ricavate due aule con necessità di interventi compresi nel progetto; tramite convenzione con la Fondazione Villaggio del Ragazzo sono state individuate 6 aule nella sede dell’ex Villaggio del Ragazzo, edificio dismesso e recuperato per garantire alla Scuola Primaria dell’I.C. Viadana nuove aule; in Piazzetta Orefice le aule attualmente in uso da parte dell’Istituto Sanfelice verranno interamente destinate alla Secondaria di Primo Grado dell’I.C. Parazzi, per un totale di 12 aule.

Oltre a questi nuovi spazi si rende necessario demolire delle pareti tra aule in modo da creare spazi più grandi e separare con arredi altri spazi per creare gruppi di lavoro e creare nuove aule nei saloni. Il progetto da 130mila euro, oltre a prevedere questi interventi interni, prevede la creazione di marciapiedi esterni ai plessi in modo da dividere i flussi di ingresso e uscita degli alunni dagli edifici scolastici”. Gli interventi – comprendendo anche 685mila euro per la prevenzione incendi nei tre istituti comprensivi – interessano le seguenti scuole: Scuola Infanzia “G. Bedoli” dell’I.C. Viadana, Scuola Primaria “L. Grossi” dell’I.C. Viadana, Scuola Primaria dell’I.C. San Matteo, Scuola Infanzia dell’I.C. San Matteo, Scuola Secondaria di Primo Grado dell’I.C. San Matteo, Scuola Primaria di Casaletto dell’I.C. “San Matteo”.

Il piano trasporti, sia per andata che per il ritorno, è stato strutturato in modo da tener conto di svariati e importanti elementi:
-la natura, per normativa, del servizio trasporto scolastico la cui finalità è garantire il diritto allo studio e di servire in primis i minori che risiedono lontano da scuola : frazioni/località/case sparse
-la sicurezza del servizio quanto alle misure da adottarsi a bordo: capacità dei mezzi, misure anti-Covid di routine
-la prevenzione e la tracciabilità dei minori sui percorsi
– il servizio partirà puntualmente con il primo giorno di scuola.
“Si sta lavorando – spiega Zucchini – al piano già dai mesi estivi e il 19 agosto abbiamo costruito l’impianto del servizio con tutti i Dirigenti Scolastici. Chiaramente, per poterlo approvare in giunta, abbiamo dovuto attendere le linee ministeriali confermate solo pochi giorni fa e la riunione dei rispettivi Consigli d’Istituto i quali hanno recentemente deliberato il tempo scuola più congeniale alle esigenze di questo particolare momento storico. Partirà anche il servizio di refezione scolastica, chiaramente rivisto con la ditta che lo gestisce secondo le normative anti-Covid attualmente vigenti. Il tutto tenendo sempre conto della precarietà della situazione sanitaria e delle fluttuazioni non prevedibili dei contagi”.
“Più complessa e delicata – spiega Zucchini – è invece la questione relativa al servizio pre-scuola. Si è concordato con i Dirigenti di attendere per il momento e valutare la partenza del servizio solo se ci saranno le condizioni necessarie ad avere un maggior numero di persone addette alla sorveglianza. Purtroppo l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo non consente di avere il controllo di una situazione in cui bambini di 3-5 anni, i quali per legge non indossano la mascherina, e appartenenti a varie sezioni, permangono nello stesso ambiente per un periodo prolungato solamente con un adulto. Se emergesse anche un solo caso tra questi verrebbero coinvolte intere sezioni e la scuola rischierebbe la chiusura per focolaio. Consapevoli dell’importanza del servizio per tante famiglie, i Dirigenti stanno sondando le varie esigenze e valutando l’attivazione del servizio con cooperativa.
Come sta succedendo anche in altre realtà, al fine di garantire alle famiglie e ai bambini tutte le misure di sicurezza sanitaria previste dalla normativa vigente in relazione al contenimento del contagio da Covid-19, le attività didattiche della Scuola dell’Infanzia di Cicognara avranno inizio il giorno 14 settembre 2020 anziché il giorno 7 settembre.
A seguito del recepimento dei fondi statali e regionali nei mesi estivi e delle variazioni di bilancio approvate dai Consigli Comunali di luglio e agosto, sono infatti in corso gli interventi di manutenzione straordinaria e adeguamento alle normative in materia di prevenzione da contagio”.
Questi interventi consistono in:
– Realizzazione percorsi esterni per accedere alle sezioni con percorsi separati mediante la costruzione di marciapiedi in cemento con progetto approvato con deliberazione 103 del 20 agosto
– Manutenzione straordinaria dell’impianto di trattamento aria, con progetto approvato con deliberazione numero 130 del 13 agosto 2020
– Sostituzione lampade con lampade a LED a seguito dell’ottenimento del contributo statale a fondo perduto per l’efficientemente energetico e dell’approvazione con deliberazione di giunta comunale numero 103 dell’8 luglio 2020 del progetto
Successivamente ai lavori verranno effettuate la pulizia generale e la sistemazione degli arredi all’interno della scuola. “L’impegno di Dirigenti Scolastici e Comune è massimo al fine di garantire una ripresa il più possibile tranquilla e sicura, cercando in tutti i modi di evitare possibili e nuove chiusure”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti