Ultim'ora
Commenta

Villanova, si è spento
l'imbianchino Nestore
Rivieri, aveva 79 anni

C'era qualche angolo di cielo da tinteggiare soprattutto adesso, in un tempo di grigi pesanti. Serviva il pittore di Villanova lassù, e lui è andato avanti, pennello in mano, sorriso acceso ed un gran cuore

VILLANOVA (RIVAROLO DEL RE) – Si è spento, all’età di 79 anni, Nestore Rivieri. Nato a Rivarolo del Re il 3 febbraio del 1941 viveva a Villanova. Sposato dal 1968 con Luisa aveva avuto due figlie, Lorena e Sonia. Aveva fatto l’imbianchino per tutta la vita. Prima come lavoro con una propria impresa e poi, sopraggiunta l’età della pensione aveva deciso di continuare ad esercitare quell’arte ovunque lo chiamassero ed ovunque si sentisse utile. Non riusciva a dire no, soprattutto se a chiedergli una mano erano gli amici. Tanti i lavori fatti nel corso di una vita: dal Santuario della Fontana alla Chiesa di Villanova sino alla Caserma dei Carabinieri di Casalmaggiore. Nestore rispondeva a tutti. Quando non lavorava e quando poteva gli piaceva dedicarsi allo sci. Era uno dei membri dello Sci Club Casalmaggiore ed insieme a loro aveva partecipato a parecchie uscite e gare. Negli ultimi anni poi, sino a quando la salute lo aveva retto, si era appassionato alle uscite con i frati del Santuario della Fontana: era un affezionato delle trasferte di padre Gaudenzio. Qualche anno fa, mentre era impegnato a imbiancare, aveva subito un serio incidente. Da allora le sue condizioni si erano aggravate, tanto da richiedere per lui l’ausilio di personale. Si è spento all’ospedale Aragona, lasciando oltre all’amata moglie e alle figlie, i nipoti Nicolas e Emma. I funerali si svolgeranno sabato alle 10 nella parrocchiale di Villanova. Nestore era molto conosciuto nel circondario, proprio per il suo carattere e la sua disponibilità sempre a fare. C’era qualche angolo di cielo da tinteggiare soprattutto adesso, in un tempo di grigi pesanti. Serviva il pittore di Villanova lassù, e lui è andato avanti, pennello in mano, sorriso acceso ed un gran cuore.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti