Ultim'ora
Commenta

Furto con strappo, ma la vittima urla
e fa intervenire il marito e un carabiniere:
classe 1966 arrestato a Viadana

Le grida della donna terrorizzata hanno attirato l’attenzione del marito che stava riponendo il carrello della spesa, e di un carabiniere in borghese che si trovava nei paraggi. Il tempestivo intervento dei due uomini ha fatto desistere il malfattore dallo strappo, che ha provato a dileguarsi ma poco distante è stato bloccato dal militare che si qualificava come tale.

VIADANA – Nella serata di mercoledì i Carabinieri della Stazione di Viadana hanno tratto in arresto un uomo, residente a Viadana, per tentato furto con strappo e resistenza a pubblico ufficiale. Infatti, M.P., classe 1966 nato in provincia di Napoli, verso le 18.30 di ieri tentava di strappare una borsa ad una signora seduta nella propria macchina, nel parcheggio del supermercato Coop. Le grida della donna terrorizzata hanno attirato l’attenzione del marito che stava riponendo il carrello della spesa, e di un carabiniere in borghese che si trovava nei paraggi. Il tempestivo intervento dei due uomini ha fatto desistere il malfattore dallo strappo, che ha provato a dileguarsi ma poco distante è stato bloccato dal militare che si qualificava come tale.

Il soggetto però ha fatto resistenza al pubblico ufficiale tentando anche di tirare fuori dalla tasca un cacciavite che portava con sé; poco dopo, l’arrivo di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Viadana ha permesso di ammanettare l’uomo e portarlo in caserma. Al termine degli accertamenti eseguiti presso la Compagnia Carabinieri di Viadana, dove la vittima unitamente al marito sporgeva formale denuncia, l’uomo veniva dichiarato in stato di arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale e tentato furto con strappo. Dopo le formalità di rito, l’aggressore veniva tradotto presso il proprio domicilio su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Mantova, e questo pomeriggio sarà invece tradotto in Tribunale a Mantova per il processo in direttissima.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti