Ultim'ora
Commenta

Femminicidio, dalla
Regione su proposta PD
arriva il sostegno agli orfani

E a proposito del fatto che la misura sia sperimentale e gestita dall’Ats di Brescia, le due consigliere Pd si augurano “che tutti i territori riescano ad aver prestissimo accesso al fondo

“Finalmente Regione Lombardia dà seguito alle nostre richieste e delibera una misura sperimentale di sostegno per gli orfani di femminicidio”, sono soddisfatte del risultato ottenuto Paola Bocci e Antonella Forattini, consigliere regionali del Pd, dopo aver appreso che la Giunta lombarda ha deciso di dare un sostegno agli orfani per crimini domestici fino ai 26 anni di età, attraverso la concessione di un contributo una tantum fino a un massimo di 5mila euro.

Sul tema le due consigliere dem erano intervenute più volte: “Già nel dicembre 2018 eravamo riuscite a impegnare Regione Lombardia, con un nostro ordine del giorno, a istituire un fondo a sostegno degli orfani delle vittime di femminicidio. Da allora in poi lo abbiamo ribadito in tutte le sedi di bilancio – ricordano Bocci e Forattini –. Nell’atto, chiedevamo esattamente di stanziare finanziamenti adeguati per il sostegno dei minori o dei ragazzi fino al compimento degli studi universitari, per la copertura delle spese legali, di studio e di assistenza medica e psicologica nella consapevolezza che questi minori subiscono un trauma gravissimo e che a oggi le famiglie affidatarie non hanno nessuna forma di sostegno economico”.

E a proposito del fatto che la misura sia sperimentale e gestita dall’Ats di Brescia, le due consigliere Pd si augurano “che tutti i territori riescano ad aver prestissimo accesso al fondo. La situazione di questi ragazzi è veramente grave, non solo da un punto di vista psicologico. Hanno bisogno di sostegno da tutti i punti di vista”, concludono Bocci e Forattini.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti