Ultim'ora
Commenta

Laboratorio Territoriale per
l'occupabilità, ci siamo: dal
Sanfelice un progetto pilota

Un importante traguardo che permetterà di rafforzare il necessario legame tra scuola e imprese, fornirà nuovi spunti per realizzare fin da ora la scuola del futuro

VIADANA – Mentre l’intera comunità scolastica sta vivendo un momento molto complesso, contrassegnato da una delle sfide più difficili degli ultimi anni, l’Istituto Sanfelice è lieto di poter continuare a guardare al futuro.

È quasi giunto al termine il lungo e complesso iter che ha portato alla realizzazione del “Laboratorio Territoriale per l’Occupabilità” che diverrà presto un’eccellenza di cui tutto il territorio potrà andare fiero.

Nel 2016 l’ex Istituto superiore San Giovanni Bosco di Viadana ha partecipato e vinto un bando di gara del valore di 750.000 euro. Nato da un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione, prevedeva il coinvolgimento attivo di tredici istituti scolastici superiori di secondo grado, cinque istituti comprensivi, due CPIA, due centri accreditati per la formazione e per i servizi al lavoro, Politecnico di Milano, associazioni di categoria e le istituzioni territoriali mantovane.

L’istituto viadanese in quell’anno non era ancora divenuto parte del Sanfelice ed aveva una sede anche presso l’istituto Vinci, situato alle porte della città virgiliana.

Proprio per la posizione più centrale a tutto il territorio provinciale, si scelse di realizzare il laboratorio in quella sede. Il responsabile del progetto, che ancora oggi resta nella regia del Sanfelice, è l’attuale dirigente Alessandro Cau, coadiuvato dal suo collaboratore, responsabile LTO Fortunato Giannubilo.

Grande soddisfazione del dirigente Cau: “il laboratorio diverrà un punto di riferimento per l’intero territorio e costituirà un punto d’incontro e collaborazione tra scuole e attori del sistema produttivo”.

Il laboratorio, che misura ben 427 metri quadrati, si configura come un ambiente fortemente interconnesso al proprio interno: gli spazi sono pensati come trasversalmente fruibili, offrendo la possibilità di integrare opportunità formative e di socialità.

Il responsabile LTO coordina le attività tra le ditte per la consegna e l’installazione, supporta la segretaria nell’espletamento delle attività amministrative, affianca il dirigente nella stesura della rendicontazione finale e si occupa dell’organizzazione della prossima inaugurazione. Fortunato Giannubilo: “finalmente siamo in dirittura d’arrivo di questo ambizioso progetto nel quale abbiamo creduto per lungo tempo. Il fatto che proprio in un periodo così difficile per le scuole si arrivi a conclusione di una nuova e importante opportunità per il territorio rende a tutto il progetto un valore aggiunto”.

Gli ambienti sono stati attrezzati per contenere: area ufficio, area coworking, area maker con dotazione base di un FabLab potenziata, area sviluppo 4.0 con macchine che offriranno agli studenti piena consapevolezza del processo produttivo, area presentazioni per Workshop e conferenze.

Tutti gli Istituti scolastici della provincia e le aziende potranno usufruire di questi spazi per meglio formare studenti e lavoratori. Tali esperienze andranno a realizzare nuove opportunità e potenzialità anche per quanto riguarda i progetti di alternanza scuola-lavoro.

“Gli avventori potranno formarsi – prosegue il prof. Giannubilo – su macchine a taglio laser, centri di lavoro CNC, stampanti 3D, frese, strumenti e software per la scansione, strumenti video, simulatori per robotica, PLC, pneumatica ed elettronica. Insieme a questi vi saranno anche molte altre attrezzature che andranno a coprire l’intera offerta formativa del territorio e che serviranno a formare personale specializzato che vada a soddisfare le esigenze degli operatori economici mantovani e dei dintorni”.

Un importante traguardo che permetterà di rafforzare il necessario legame tra scuola e imprese, fornirà nuovi spunti per realizzare fin da ora la scuola del futuro.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti