Ultim'ora
Commenta

Casalmaggiore, 4 novembre
per pochi causa Covid ma
il ricordo non è mancato

"Per i nostri Caduti, anche in questa forma ridotta imposta dai tempi e dall'emergenza, noi ci siamo" ha commentato Bongiovanni su Facebook.

CASALMAGGIORE – Come era stato annunciato sabato dal sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, la celebrazione del 4 novembre è stata perfezionata in una “forma ridotta”, ossia senza pubblico e aprendo la partecipazione su invito soltanto alle autorità e alle rappresentanze delle varie associazioni Combattentistiche e alle Forze Armate. Una scelta dolorosa, ha detto il primo cittadino, ma necessaria per rispettare in pieno le norme Covid, che mirano ad evitare il più possibile assembramenti.

La cerimonia ha visto la partecipazione del sindaco stesso, di un paio di componenti della Banda Musica Estudiantina, del gruppo Bersaglieri “Armi e Bandiere”, dei Carabinieri in congedo, dell’associazione Nazionale Partigiani d’Italia e delle varie associazioni Combattentistiche (Reduci, Marinai, Aeronautica), oltre alle forze dell’Ordine con Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia Locale col gonfalone del comune di Casalmaggiore. Dopo alcuni momenti davanti alla Casa del Mutilato in via Bixio, il corteo si è sposato all’Isola Bella davanti al monumento ai Caduti, quindi al Duomo di Santo Stefano per la messa e infine al municipio casalese, davanti alla lapide che ricorda chi in battaglia ha reso onore alla patria col massimo sacrificio possibile, quello della vita. “Per i nostri Caduti, anche in questa forma ridotta imposta dai tempi e dall’emergenza, noi ci siamo” ha commentato Bongiovanni su Facebook.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti