Ultim'ora
Commenta

Gronda gruviera e a pagare
è la Castelnovese:
Vicomoscano alza la voce

A Vicomoscano, infatti, vi sono alcune grandi ditte, che però si trovano appena fuori dal paese, come ad esempio l’Emiliana Parati, che hanno permessi speciali di carico e scarico. Ma sono molti di più i mezzi che passano dalla Castelnovese, ignorando la via parallela, ossia la famosa Gronda, nata male e che infatti nei tratti in cui è stata completata si sgretola.

VICOMOSCANO (CASALMAGGIORE) – La strada Castelnovese che taglia in due il centro abitato di Vicomoscano, frazione di Casalmaggiore, sta creando parecchi problemi di traffico, anche e soprattutto per la presenza di mezzi pesanti che contravvengono al divieto ben visibile, che si trova proprio all’ingresso del paese, e viene anticipato inoltre un chilometro prima, attorno alla rotonda Po che consente all’Asolana di snodarsi e immettersi, appunto, sulla Castelnovese.

La segnalazione, non certo la prima, arriva da un cittadino, che sottolinea la pericolosità – nota da anni – di una strada così trafficata che passa dal paese e pure dalla zona delle scuole elementari, presidiata sì da agenti della Polizia Locale negli orari di ingresso e di uscita dei giovani studenti, ma comunque da considerare assolutamente sensibile. Se sulla Castelnovese il traffico è presente da sempre, ed è pure sostenuto, un po’ come accade con la strada Asolana che taglia in due Casalmaggiore o San Giovanni in Croce, ecco che la segnalazione fa riferimento a quei camion o rimorchi che sfruttano questa strada, pur non potendolo fare.

A Vicomoscano, infatti, vi sono alcune grandi ditte, che però si trovano appena fuori dal paese, come ad esempio l’Emiliana Parati, che hanno permessi speciali di carico e scarico. E sin qui nulla di strano. Ma sono molti di più i mezzi (di altre aziende, ubicate lontano da Casalmaggiore) che passano dalla Castelnovese, ignorando la via parallela, ossia la famosa Gronda, nata male e che infatti nei tratti in cui è stata completata si sgretola come un gruviera con buche e carreggiata dissestata, spesso dopo le prime piogge. I camionisti, allora, preferiscono preservare le gomme dei propri mezzi, passando da una via alternativa. Con i pericoli che questa scelta, non consentita dai cartelli ben visibili a inizio paese, crea…

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti