Ultim'ora
Commenta

Il Palazzo Abbaziale di
Casalmaggiore nel calendario
di Santo Stefano e San Leonardo

“La bellezza salverà il mondo” è la frase che campeggia in copertina sul calendario, che propone gli scatti di Vincenzo Raeli e Paolo Mangoni ed è stato realizzato, nella parte grafica, e stampato da Oerre Cartotecnica di Casalmaggiore.
Nella foto la copertina del calendario e una delle fotografie interne

CASALMAGGIORE – Il calendario 2021 ideato dalla parrocchia di Santo Stefano a Casalmaggiore mette in evidenza la bellezza del Palazzo Abbaziale, “sorto nel XVIII secolo accanto alla chiesa di Santo Stefano, per ospitare in grande chi avrebbe governato religiosamente la città regia e la sua acquisita Provincia” e riscoperto tre anni fa: ora può virtualmente entrare nelle case dei parrocchiani mediante questo oggetto utile per l’anno nuovo.

“La bellezza salverà il mondo” è la frase che campeggia in copertina sul calendario, che propone gli scatti di Vincenzo Raeli e Paolo Mangoni ed è stato realizzato, nella parte grafica, e stampato da Oerre Cartotecnica di Casalmaggiore. “La scelta di accompagnare visivamente i mesi dell’anno a venire con queste immagini è dettata da due ragioni – scrive nella sua introduzione il parroco don Claudio Rubagotti -: dalla pretesa di condurvi alla scoperta di un tesoro ancora in gran parte inesplorato, oggetto nel 2021 di restauri pittorici e di una studiata destinazione che lo valorizzi; dalla convinzione che proprio quando la vita è difficile e crudele “tempore famis”, direbbero i latini, è necessario osare lo sguardo oltre l’immediato. Di Dostoevskij, ma attribuita anche ad altri pensatori, “la bellezza salverà il mondo” è una espressione quanto mai vera e dovuta in questo tramonto del 2020. Il fascino del Palazzo Abbaziale di Casalmaggiore costituisce una risorsa per guardare in grande il domani, al fine di vivere realisticamente l’oggi”. Le offerte raccolte dalla distribuzione del calendario, che inizierà nei prossimi giorni, verranno utilizzate per i bisogni parrocchiali.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti