Ultim'ora
Commenta

ASC 'Oglio Po', il 2020
è stato un anno record
per lo sportello badanti

L’Azienda Speciale Consortile ricorda che lo Sportello è un servizio completamente gratuito e aperto al pubblico il martedì e giovedì dalle 9.00 alle 11.00 su appuntamento

Il 2020 è stato un anno da record per lo Sportello badanti dell’Azienda Speciale Consortile “Oglio Po”, il punto di  ascolto, accoglienza, orientamento e accompagnamento alle persone che vogliono occuparsi di assistenza familiare e a coloro che hanno bisogno di assistenza qualificata per persone non autosufficienti, per i dieci Comuni consorziati all’Azienda.

Se nel 2019 si erano iscritte 19 nuove badanti, di cui 13 part time e 6 h24, nel 2020 il numero di nuove iscritte al registro badanti è stato pari a 36, di cui 25 part time e 11 h24, quasi il doppio rispetto all’anno precedente se pensiamo che questi dati sono stati raccolti a partire dal secondo trimestre 2020.

Ancora più soddisfacente il numero di famiglie che si sono rivolte allo Sportello badanti per trovare personale qualificato e referenziato per la cura a domicilio di un proprio caro: nel 2020 sono state infatti 58 le famiglie che hanno usufruito del registro badanti, triplicando i contatti del 2019 che erano stati pari a 17 famiglie.

A partire dal 2012, anno di costituzione sperimentale del servizio, lo Sportello badanti si è radicato sul territorio ed è stato riconosciuto dai propri utenti come un punto di riferimento qualificato, grazie anche al contributo specializzato del Nucleo Inserimenti Lavorativi dell’ASC, in gestione alla Cooperativa Papa Giovanni XXXII, che ha competenze specifiche di intermediazione al lavoro.

“Siamo soddisfatti dell’andamento dello Sportello perché stiamo mettendo a disposizione un elenco di persone affidabili e referenziate –  afferma la Presidente dell’ASC Mariagrazia Tripodo – Per essere inseriti nella banca dati, infatti, è necessario effettuare un colloquio per definire le capacità e le competenze dei possibili candidati. Naturalmente è altrettanto importante il possesso di alcuni requisiti, tra cui la frequenza di appositi corsi di formazione professionali. In questo modo rispondiamo alle esigenze delle tante famiglie alle prese con la necessità di assistenza dei soggetti fragili. Sarebbe auspicabile incentivare la candidatura anche da parte di “badanti” uomini in modo da soddisfare maggiormente la richiesta di assistenza di figure maschili.

Ne approfitto per ricordare che recentemente è stato aperto anche uno sportello baby sitter a cui sono arrivate numerose candidature. Le famiglie possono già avvalersi di questo tipo di servizio, anch’esso garantito in termini di professionalità ed affidabilità”.

L’Azienda Speciale Consortile ricorda che lo Sportello è un servizio completamente gratuito e aperto al pubblico il martedì e giovedì dalle 9.00 alle 11.00 su appuntamento. Per informazioni contattare il 0375/786265 e-mail serviziosportellobeb@gmail.com.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti