Politica
Commenta

Area Rossa, Degli Angeli (M5S): "Fontana, invece di piangere, dia risposte"

“Il Governatore fantasma, Attilio Fontana, è sempre il primo a piangere in TV e ad accusare il governo di esser contro la Lombardia. È il primo a protestare, ma l’ultimo ad agire”

In foto da sinistra il governatore Attilio Fontana e il consigliere regionale pentastellato Marco Degli Angeli

Zona rossa in Lombardia, Fontana potrebbe definire delle aree con restrizioni meno severe. Marco Degli Angeli (M5s Lombardia): “Anziché fare inutili polemiche e ricorsi al tar, si attivi per rispondere alle istanze del territorio. Il ministro della Salute lo ha già fatto”.

“Il Governatore fantasma, Attilio Fontana, è sempre il primo a piangere in TV e ad accusare il governo di esser contro la Lombardia. È il primo a protestare, ma l’ultimo ad agire”.

Sono le parole del consigliere M5S Lombardia, Marco Degli Angeli che sulla questione zona rossa ha poi puntualizzato: “Invece di perder tempo in conferenze stampa e ricorsi al TAR, Fontana dovrebbe rispondere ai primi cittadini della Provincia di Cremona, che hanno fatto richiesta di deroga territoriale alla Zona rossa Lombarda, a fronte di dati provinciali migliori rispetto al dato medio regionale (102,27 positivi per 100 mila abitanti negli ultimi 7 giorni).

Forse – precisa Degli Angeli – anche Fontana è stanco e nel weekend si riposa, e mentre lui dorme, il ministero della Salute si è già attivato e ha comunicato di avere inoltrato l’istanza dei sindaci cremonesi, insieme a quelle di Bergamo e Lodi accomunate da indici più bassi, al direttore generale della Prevenzione Sanitaria e al presidente dell’Istituto Superiore di Sanità”.

Da Fontana e della Giunta Lombarda sembra invece non esserci nessuna risposta. “È gravissima – sottolinea perentorio il consigliere pentastellato – l’inerzia di un presidente che avrebbe dovuto attivarsi immediatamente, per fornire prioritario consenso alla richiesta dei sindaci, in ragione anche del parere che potrà ricevere dal CTS regionale. Inoltre è fondamentale per trasparenza e serietà che Regione Lombardia pubblichi le informazioni in suo possesso e dimostri dati alla mano di poter garantire tracciamento, assistenza domiciliare e vaccinazioni”.

Secondo il dpcm attualmente in vigore, infatti, con ordinanza del ministro della Salute, adottata ai sensi del comma 1, d’intesa con il Presidente della Regione interessata, può essere prevista, in relazione a specifiche parti del territorio regionale, considerando l’andamento del rischio epidemiologico, l’esenzione dell’applicazione delle misure di cui al comma 4. Questo – precisa Degli Angeli – significherebbe avere meno restrizioni. Purtroppo Fontana non si sta dimostrando all’altezza, riesce solo ad avvelenare il clima ed alimentare polemiche, ma non prende mai decisioni”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti