Cronaca
Commenta

Spostamenti in zona rossa, le Faq del Governo chiariscono cosa è consentito

In area rossa ci si può spostare dalla propria casa solo per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. E’ altresì sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Questo comprende anche la possibilità di spostamento da e verso le seconde case, anche se fuori provincia o regione.

Sono finalmente uscite, dopo giorni di attesa, le Faq del Governo sulla zona rossa, che hanno chiarito i molti dubbi che ancora assillavano molti cittadini, soprattutto in merito alle possibilità di spostamento. Nella zona rossa è dunque possibile spostarsi, una volta al giorno, verso una sola abitazione situata nel proprio comune di residenza, per un massimo di due persone alla volta.

Unica deroga: per chi vive in un Comune fino a 5.000 abitanti tale spostamento è consentito anche entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione o Provincia autonoma), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia. Naturalmente in tali spostamenti, come accadeva nel periodo delle feste, si possono portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro. Per il resto, in area rossa ci si può spostare dalla propria casa solo per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. E’ altresì sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Questo comprende anche la possibilità di spostamento da e verso le seconde case, anche se fuori provincia o regione.

Infine, sempre nell’ambito degli spostamenti, passeggiate e attività motoria sono consentite solo in prossimità della propria abitazione, salvo che siano finalizzate a recarsi in un negozio di quelli attualmente aperti o in altri luoghi consentiti. Anche l’attività motoria è consentita solo nella prossimità della propria abitazione. Stessa cosa vale per l’attività motoria con la bicicletta.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti