Ultim'ora
Commenta

Cavallara e Cizzolo, "Uniti per
Viadana" raccoglie le firme per
chiedere una viabilità più degna

Si chiede la sottoscrizione chiede il miglioramento del manto stradale, non solo come chiusura di buche ma come intervento corposo per rendere la viabilità dignitosa e sicura; la verifica sulla possibilità di deviare il traffico pesante su via Carlo Poma, come era durante i lavori alle fognature; la messa a norma del tratto arginale di via Viazzone.

CAVALLARA (VIADANA) – La lista civica “Uniti per Viadana” ha promosso tra i residenti delle frazioni di Cizzolo e Cavallara una petizione popolare per chiedere “rispetto per le frazioni, anche se non è che il centro se la passi meglio”. In particolare preoccupa la situazione delle frazioni dove sono terminati i lavori del condotto principale delle nuove fogne, in attesa di assestamento e del collettamento delle utenze o della vecchia linea a quella nuova.

Ora però, secondo chi ha proposto la petizione, la viabilità è impraticabile per le persone e i mezzi in transito, poiché tali strade sono ad elevato traffico pesante che si sposta verso la zona industriale di Cizzolo. Urgono, dunque, interventi di sistemazione definitiva della strada. “La raccolta firme, considerato il periodo con le limitazioni legate al Covid – spiegano i promotori – seguirà modalità innovative che saranno comunicate mediante i social. Stiamo anche pensando, per mandare un segnale forte, alla chiusura, come forma di protesta, dell’ingresso stradale principale alla frazione di Cavallara. Tutto questo per salvaguardare i mezzi e le persone che transitano e come forma di comunicazione non verbale che evidenzi i disagi di un territorio che non merita un trattamento simile”.

La sottoscrizione chiede il miglioramento del manto stradale, non solo come chiusura di buche ma come intervento corposo per rendere la viabilità dignitosa e sicura; la verifica sulla possibilità di deviare il traffico pesante su via Carlo Poma, come era durante i lavori alle fognature; la messa a norma del tratto arginale di via Viazzone e del ponte su via Poma con obbligo per traffico pesante di deviare su via Poma, passando per via Viazzone. “Il prossimo passo – spiegano i promotori della raccolta firme – sarà una forte richiesta di responsabilità delle istituzioni competenti (AIPO, Provincia, Comuni) in merito alla messa a norma del tratto arginale da Via Viazzone a Cavallara, con l’obbligo per il traffico pesante di salire da via Viazzone passando per via Poma e raggiungere la zona industriale di Cizzolo (una volta a norma). In questo modo utilizzando fondi per il dissesto idrogeologico si metterebbe in sicurezza il territorio; si migliorerebbe la situazione viabilistica di Cavallara; si utilizzerebbero al meglio infrastrutture già esistenti sul territorio, certo migliori di ciò che si offre oggi”.

“Un territorio deve essere valorizzato – concludono i promotori della petizione – dal punto di vista economico (e il privato lo sta facendo nelle frazioni Nord) e da un punto di vista sociale (ci stanno pensando associazioni come Avis e Pro Loco con feste e manifestazioni). Ma dal punto di vista logistico, infrastrutturale, di bellezza architettonica ed ambientale gli investimenti devono essere a carico del pubblico (Amministrazione Comunale), che oggi sicuramente è assente o mal organizzato nel complesso dei progetti, come dimostra la situazione delle fogne di Cavallara e Cizzolo”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti