Cucina e Gastronomia
Commenta

Quando chef Naponi cucinava il Dolce Credo a Casalmaggiore per la Festa della Zucca...

Approdato a Masterchef quasi per caso, era diventato uno dei concorrenti più amati e seguiti. Figlio di una ricca famiglia cremonese, i Baresi, proprietari di uno dei biscottifici più importanti d’Italia, ha avuto una vita avventurosa. GUARDA IL VIDEO

CASALMAGGIORE – Si è spento nei giorni scorsi Alberto Naponi, chef cremonese noto per la sua partecipazione al programma Masterchef, nel quale presentò anche diverse ricette della cucina del nostro territorio. Molto legato a tutta la provincia e alla sua Cremona, Naponi era stato – il 16 settembre 2015 – ospite del Forno Diliddo in via Cavour e qui aveva preparato il Dolce Credo, un dessert ripreso dal passato e riscoperto in occasione di quella Festa della Zucca. Nel video esclusivo vediamo Naponi alle prese con la ricetta, personalizzata (come era solito fare) dalla creazione di una crema di zabaione. Per l’occasione Naponi indossava proprio il grembiule di Masterchef. Il Dolce Credo, nato a Sospiro nel 1500 secondo la tradizione, ha in realtà pure geni casalaschi, come rivendicavano in quel settembre 2015 gli Amici di Casalmaggiore, organizzatori della festa.

Approdato a Masterchef quasi per caso, era diventato uno dei concorrenti più amati e seguiti. Figlio di una ricca famiglia cremonese, i Baresi, proprietari di uno dei biscottifici più importanti d’Italia, ha avuto una vita avventurosa. Dopo che la famiglia era caduta in rovina, e lui aveva iniziato a lavorare nei ristoranti. E lì iniziò a inventare dolci, come il pan torrone, il pan mostarda e altro. Nel 2014 la partecipazione alla terza edizione di Masterchef: è stato uno dei concorrenti più amati della storia della trasmissione per la sua simpatia e genuinità.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti