Cronaca
Commenta

RSA Grassi, l'amministrazione viadanese ci mette del suo: si ridiscuteranno le rette

Nicola Cavatorta: "La preoccupazione principale è stata quella da parte dell' amministrazione comunale di trovare un' alternativa che potesse andare incontro agli aumenti delle rette in questo periodo complicato". GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

VIADANA – L’Amministrazione è disposta a dare una mano importante per risolvere la difficile questione della ‘stangata’ sulle rette dell’RSA Grassi di Viadana. E il CdA, a questo punto, a modificare la propria decisione. Dopo giorni di polemiche tra i vertici della Fondazione e il Comitato dei familiari degli ospiti che ha lamentato – tra le altre cose – proprio i sostanziosi rincari (un aumento di 8/15 euro al giorno, 240/450 euro al mese) sembra esserci uno spiraglio di luce almeno sulla via della risoluzione di una delle questioni rimaste aperte.

Ieri sera amministrazione Viadanese e Cda hanno elaborato un comunicato congiunto in cui si palesa proprio questa possibilità. Di seguito comunicato congiunto Amministrazione Comunale di Viadana – Rsa Carlo e Louisa Grassi Viadana.

A seguito della necessità manifestata di risolvere il problema dell’ aumento delle rette della Rsa resosi necessario a seguito delle difficoltà economiche affrontate dalla Fondazione a causa del Covid 19, causate da maggiori spese e minori entrate, vi è stata la disponibilità da parte del Sindaco Nicola Cavatorta in rappresentanza dell’ amministrazione comunale e del Presidente Silvia Angelicchio in rappresentanza del Cda della struttura di trovare una soluzione condivisa per ridurre gli aumenti paventanti di inizio gennaio.

E’ stato deciso da parte dell’ amministrazione comunale di adottare tramite la giunta di mercoledì 27 gennaio la seguente delibera: “di esprimere l’indirizzo di reperire, nei limiti delle disponibilità finanziarie di bilancio e tenuto conto degli equilibri di bilancio, le risorse economiche per finanziare un intervento a favore della popolazione anziana tramite il sostegno economico straordinario a favore della RSA Fondazione Carlo e Louisa Grassi, contenendo in questo modo l’incremento delle tariffe applicate agli ospiti dalla RSA aggravato dalla pandemia Covid 19.

Nicola Cavatorta: “la preoccupazione principale è stata quella da parte dell’ amministrazione comunale di trovare un’ alternativa che potesse andare incontro agli aumenti delle rette in questo periodo complicato per le famiglie dal punto di vista sociale e quindi economico. La soluzione migliore è stata individuata nella modalità che tanti altri comuni sia del mantovano che di altre province hanno adottato e cioè impegnandosi nel garantire un contributo economico alla struttura in modo da poter far fronte in parte alle maggiori spese e minori entrate causate da questa pandemia covid.”

Angelicchio Silvia: “ Ringrazio, anche a nome del consiglio di amministrazione che rappresento, il Sindaco Nicola Cavatorta e l’amministrazione.
L’emergenza economica provocata dalla pandemia covid 19, che si protrae dal 2020 ad oggi portando il bilancio dell’Ente in grave difficolta’, ha trovato ora disponibilita’ ad un aiuto concreto da parte dell’amministrazione comunale. L’Ente pur autonomo, e’ pur sempre espressione della comunita’ viadanese e con la stessa ha continuato a rapportasi. Il sostegno economico che riceveremo potra’ sicuramente fare rivedere gli aumenti previsti in modo sostanziale”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti