Politica
Commenta

San Martino del Lago, anno di elezioni: sarà Maglia contro Alì? Per le ufficialità è presto

Cinque anni fa Dino Maglia, sindaco uscente, era l’unico candidato e così la sfida era semplicemente quella al quorum. Una sfida, comunque, non scontata, se teniamo conto che San Martino del Lago ha una percentuale molto alta di potenziali elettori iscritti alle liste Aire. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

SAN MARTINO DEL LAGO – A San Martino del Lago l’ufficialità è ancora lontana, ma l’impressione è che quest’anno sarà elettoralmente parlando una sfida a due. Cinque anni fa Dino Maglia, sindaco uscente, era l’unico candidato e così la sfida era semplicemente quella al quorum. Una sfida comunque non scontata, se teniamo conto che San Martino del Lago – che con i suoi circa 500 abitanti è tra i comuni più piccoli della provincia di Cremona – ha una percentuale molto alta di potenziali elettori iscritti alle liste Aire, ossia italiani residenti all’estero, che difficilmente torneranno per votare: un 20% circa di quei 500 abitanti, dunque, risulta residente, fa numero ma quasi sempre non si presenta alle urne, abbassando sensibilmente l’affluenza e rendendo più difficile il raggiungimento del quorum, che serve, con un candidato unico, a scongiurare il commissariamento del comune. Il 6 giugno 2016 si arrivò “tranquillamente” al 65.85%.

Stavolta il problema non si pone, perché i candidati saranno – salvo sorprese – almeno due: da un lato vi sarà un rappresentante della giunta uscente, che potrebbe essere proprio lo stesso Dino Maglia, il quale però non ha ancora sciolto le riserve. “Ci troveremo a metà febbraio e decideremo” spiega il primo cittadino, che può candidarsi per il terzo mandato, trattandosi di un comune con meno di 3mila abitanti. Dall’altra parte, pur mancando anche qui l’ufficialità, emerge con insistenza la candidatura di Thomas Alì, nativo di Aci Catena, nel catanese, ma da diversi anni residente nel Casalasco. Thomas Alì era balzato agli onori della cronaca nei mesi scorsi perché da ex dipendente dell’Unione Palvareta Nova, della quale San Martino del Lago fa tuttora parte, ha lamentato il diritto all’assunzione, mancata, e ha deciso di adire le vie legali, dicendosi pronto ad arrivare fino in Cassazione. Adesso per lui, in parallelo con la questione legale, ci prospetta una battaglia politica.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti