Cronaca
Commenta

Parte con un'ascia per uccidere la moglie, arrestato agricoltore cannetese

L'inseguimento è proseguito sino a Pontoglio dove, grazie ad una sorta di blocco stradale causata da lavori in corso il trattore ha dovuto arrestarsi

CANNETO SULL’OGLIO – Era deciso a farla finita con la ex moglie e probabilmente sarebbe riuscito a portare a termine il suo folle gesto se non fosse stato bloccato dapprima dalla telefonata del fratello ai carabinieri ed in seguito proprio dall’intervento degli uomini dell’Arma che lo hanno – non senza qualche fatica – bloccato e tratto in arresto. Ora, per G.M., 55 anni, agricoltore con precedenti per violenza domestica si sono aperte le porte del carcere.

E’ successo lunedì, poco prima dell’ora di pranzo. L’agricoltore, incapace di gestire rabbia e rancore accumulati, ha affilato la lama dell’accetta in suo possesso e, salito sul trattore, è partito da Runate di Canneto sull’Oglio alla volta di Palazzolo sull’Oglio dove risiede l’ex moglie con i figli. Il fratello ha cercato in tutti i modi di farlo desistere dalle insane intenzioni ma non c’è stato nulla da fare. A quel punto, subito dopo che Giuseppe è partito, al fratello non è restato che richiedere l’intervento dei Carabinieri.

Gli uomini dell’Arma lo hanno intercettato poco prima di Chiari ma è stato impossibile fermarlo: ad ogni tentativo di avvicinamento l’agricoltore ha cercato di farli desistere, avvicinandosi pericolosamente col suo trattore ai mezzi degli uomini in divisa. L’inseguimento è proseguito sino a Pontoglio dove, grazie ad una sorta di blocco stradale causata da lavori in corso il trattore ha dovuto arrestarsi.

Anche in questo caso l’agricoltore partito da Runate non si è dato per vinto e, innestata la retromarcia, ha speronato un’auto dei carabinieri che cercava di bloccarlo. A quel punto i carabinieri sono riusciti a salire nella cabina del trattore e bloccare l’uomo che aveva l’ascia con se, pronto ad utilizzarla. Arrestato, al giudice non è restato che confermare il fermo per l’uomo, socialmente pericoloso.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti