Cronaca
Commenta

Addio a Padre Francesco Pesenti: classe 1948, era il "frate degli animali" al Santuario della Fontana

Da sette anni al Santuario della Fontana, originario della Val Serina, in provincia di Bergamo, padre Francesco era da un paio di anni guida spirituale del gruppo di preghiera San Pio, fondato nel 2010 proprio al Santuario di Casalmaggiore. I funerali saranno celebrati martedì alle ore 10 presso il Duomo di Casalmaggiore. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

CASALMAGGIORE – Si è spento uno dei frati più amati e più popolari del Santuario della Fontana di Casalmaggiore. E’ accaduto nel primo pomeriggio di venerdì, all’improvviso, con la notizia poi divulgata dagli stessi confratelli: è spirato padre Francesco Pesenti. Padre cappuccino affabile e sempre pronto a una buona parola, era noto in particolare perché con entusiasmo partecipava sempre alla benedizione degli animali, che da qualche anno veniva organizzata sul sagrato retrostante il Santuario della Fontana nel giorno di Sant’Antonio. Quest’anno la manifestazione si era tenuta il 17 gennaio e Padre Francesco aveva voluto come al solito celebrare: non mancava mai, a parte le parole della liturgia, uno sguardo dolce, una carezza ai tanti amici a quattro zampe, una chiacchiera anche informale coi proprietari degli animali e coi giornalisti che venivano a seguire quella celebrazione così particolare.

Classe 1948, è mancato all’improvviso per un malore: alle 8.30 di venerdì ha celebrato la Messa, poi a mezzogiorno ha pranzato coi confratelli e nel primo pomeriggio si è sentito male. Trasportato d’urgenza in ospedale a Mantova, al nosocomio non è mai arrivato, spegnendosi lungo la strada. Da sette anni al Santuario della Fontana, originario della Val Serina, in provincia di Bergamo, padre Francesco era da un paio di anni guida spirituale del gruppo di preghiera San Pio, fondato nel 2010 proprio al Santuario della Fontana di Casalmaggiore. I funerali di padre Francesco saranno celebrati martedì alle ore 10 presso il Duomo di Casalmaggiore.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti