Ambiente
Commenta

Martignana e il cicloturismo: San Serafino come snodo per diversi investimenti naturalistici

San Serafino, la chiesetta che porta al paese, è da sempre un gioiello, ma le potenzialità sono molteplici, così come la volontà di intervenire, che si esplica su più fronti, tra riqualificazione dei percorsi, tabellone informativo per i turisti e proposte per esperti oppure semplici “passeggiatori”. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

MARTIGNANA DI PO – C’è un punto a Martignana di Po sul quale l’amministrazione intende puntare forte. Un punto di raccordo con altri comuni, una zona di grande bellezza naturalistica, affacciandosi quasi in golena, e al contempo strategicamente interessante per investimenti sul cicloturismo e sull’utenza debole. A illustrare la volontà dell’amministrazione è il sindaco, ora al terzo mandato, Alessandro Gozzi. San Serafino – la chiesetta che porta al paese – è da sempre un gioiello, ma le potenzialità sono molteplici, così come la volontà di intervenire, che si esplica su più fronti, tra riqualificazione dei percorsi, tabellone informativo per i turisti e proposte per esperti oppure semplici “passeggiatori”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti